domenica, 23 Febbraio, 2020

Cagliari, Vermentino in gara al primo concorso internazionale

0

Una disfida tutta in bianco, quella che si terrà lunedì prossimo, 17 febbraio, al T Hotel di Cagliari, che vedrà schierati oltre 200 tipi diversi di Vermentino provenienti da vitigni e cantine di tutto il mondo, che saranno valutati da una giuria internazionale.

Si continua il giorno dopo, dalle 20:30, con un Gran Galà all’ex Manifattura, con degustazione libera di tutti i vini in gara.

Formata da enologi ed enotecnici, giornalisti ed esperti, la giuria assegnerà medaglie d’oro, argento e bronzo ai vini Dop, Igp e Ig, usando parametri internazionali.

A disposizione della giura ci sarà anche il “Tailormade VSG”, un inedito calice dal fondo piatto, realizzato ad hoc per valorizzare le caratteristiche uniche di un vino bianco che è tra più apprezzati a livello internazionale.

Il capoluogo della Sardegna è la sede naturale per questo primo Concorso enologico internazionale “Vermentino”, in quanto l’apprezzato vino bianco che sa di mare, dai sentori floreali e fruttati, proprio nell’isola ha trovato le condizioni ambientali ottimali per sviluppare tutto il suo potenziale.

Inoltre, la Sardegna può vantare ben due record importanti. Con 4.500 ettari ha la più grande superficie al mondo coltivata a Vermentino, e in Gallura viene prodotto l’unico Vermentino italiano che può fregiarsi della Docg (Denominazione di origine controllata e garantita).

Dietro al concorso c’è un grande sforzo organizzativo perché, oltre ai sardi, vi partecipano cantine italiane con sede in Toscana, Liguria, Lazio, Umbria, Puglia e Sicilia: e straniere che operano in Corsica, Francia, Australia, California e l’Oregon (Stati Uniti), e in Sud Africa.

Il concorso, inoltre, è una sorta di prequel del Vinitaly, perché la premiazione finale si terrà proprio in occasione del salone internazionale di Verona, in programma dal 19 al 22 aprile.

A Cagliari esordirà anche il Tailormade VSG, un nuovo calice, soffiato a bocca, realizzato a mano e prodotto dall’Italesse, studiato apposta per garantire l’equilibrio gusto-olfattivo di tutte le tipologie di Vermentino e ideato dal giornalista, sommelier, critico enogastronomico e direttore responsabile di “Epulae News”, Angelo Concas, segnalato al Ministero delle politiche agricole come massimo esperto del vino Vermentino. Un debutto importante, questo del calice, al quale dedicheremo un servizio a parte.

Martedì si terranno anche due Masterclass di degustazione di Vermentino tenute, oltre che da Angelo Concas, da esperti di fama internazionale come Claudia Marinelli giornalista e degustatrice per la Guida di Slow Wine, per la sezione Sardegna, e giudice in diversi concorsi internazionali; Kevin Gagnon, giornalista di “Snarkywine” e “Vinum” (la principale rivista vinicola europea in lingua tedesca); Fabien Lainé wine blogger considerato come uno dei top wine influencer planetari; Matthew Horkey, giornalista americano, autore di diversi libri e fondatore del blog Exotic Wine Travel; e Paul Caputo, scrittore, giudice e critico di vini, ambasciatore della Vinitaly International Academy e fresco vincitore del Millesima Blog Awards 2020, nella categoria Wine Reporter Awards.

Antonio Salvatore Sassu

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply