domenica, 16 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pubblicato il 05-01-2012


Datagiovani rende noto il trend che riguarda il mercato del lavoro per i giovani, ed è subito panico. Il confronto tra le assunzioni dei giovani sotto i trent’anni prima e dopo la crisi è allarmante. Dal 2007 in poi non solo è diminuito di un quarto il numero dei nuovi rapporti di lavoro, ma si nota anche una decisa svolta dalla flessibilità alla vera e propria precarizzazione. Crescono di numero i contratti a tempo determinato, mentre la loro durata si accorcia. Per rispondere ad una crisi dai contorni spaventosi, si dovrà far ricorso ad una fluidificazione del mercato del lavoro, a partire dall’informazione più completa per il suo accesso. A questa esigenza risponde una iniziativa innovativa, inconsueta e non poco corsara: mettere online non solo le offerte di lavoro formali, ma i “rumors”, le voci di nuovo, potenziale impiego. E proprio a partire dall’idea di tre giovani imprenditori, il mercato delle opportunità professionali potrebbe reinventarsi in versione peer-to-peer: uno scambio di news, di dritte e di segnalazioni di lavoro che può diventare anche scambio di lavoro stesso. Un marketplace dove domanda e offerta si incontrano in modo informale, non intorno ad un annuncio ma ad un “si dice”, a una curiosità che diventa impegno. Lo hanno chiamato Job Rumors, e sembra davvero l’ultima frontiera  di un Paese che deve reinventarsi davvero, se vuole rinascere.

Aldo Torchiaro

Giornalista - Sotto Torchio

More Posts

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento