martedì, 17 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Altro che Isola dei Famosi: J.J. Abrams spiazza con la sua Alcatraz
Pubblicato il 30-01-2012


J.J. Abrams torna a cercare di sedurci coi suoi ingredienti preferiti: un’isola, un mistero, persone scomparse, viaggi nel tempo, e quel mix di drama e science fiction che da sempre contraddistingue i suoi prodotti seriali più di successo, come Lost e Fringe. Ecco a voi Alcatraz, che ha debuttato due settimane fa negli Stati Uniti con 10 milioni di spettatori, e che andrà in onda stasera su Premium Anteprima, in chiaro per tutti, alle 21:15. La storia è nelle parole di Emerson Hauser, misterioso agente FBI interpretato da Sam Neill: «Il 21 Marzo ’63 Alcatraz è stata chiusa per gli eccessivi costi e il cattivo stato della struttura. Tutti i prigionieri sono stati trasferiti altrove… Ma non è così che è andata. Proprio per niente».

EVASI SPAZIOTEMPORALI – 300 persone scompaiono nel nulla e cominciano a tornare alla spicciolata 49 anni dopo. Sono criminali spietati, fisicamente identici a com’erano nel ’63, e non sembrano aver perso le loro peggiori abitudini. Sulle loro tracce la poliziotta Rebecca Madsen (Sarah Jones), e l’autore di fumetti esperto di Alcatraz Doc Soto (Jorge Garcia, star di Lost). I due indagano sugli “evasi spaziotemporali” per aiutare l’agente Hauser a riportarli in cella, ma si intuisce che l’agente racconta solo una minima parte della verità. La narrazione si muove tra il presente e i flashback che dipingono la vita nella prigione più temuta d’America, un affresco di follia in cui la violenza, anche psicologica, è il modus operandi.

ALTRO CHE ISOLA DEI FAMOSI – Cos’è successo ad Alcatraz nel 1963? Dove sono andati a finire i detenuti? Perché tornano proprio adesso, e perché non sono invecchiati? Ma soprattutto: riuscirà J.J. Abrams a tenerci incollati alla poltrona, settimana dopo settimana, come solo lui sa fare? Vedremo, gli ingredienti ci sono. L’isola dei detenuti sembra la meta migliore per evadere da palinsesti pieni di naufragi dell’orgoglio e isole di famosi che noi per primi vorremmo far scomparire per sempre. Dopo l’esordio, Alcatraz andrà in onda il lunedì su Premium Crime, con l’episodio in italiano seguito dal successivo in lingua originale con sottotitoli, strategia per avvicinarsi agli appassionati di serie TV, che potranno vedere gli episodi una sola settimana dopo gli USA. Sembrerebbero esserci tutte le premesse per fare della nuova creatura firmata da J.J. Abrams un cult del piccolo schermo. Quest’anno quindi “Guardatevi le spalle” – il tormentone lanciato dalla Ventura – sembrerebbe rivolto più che ai naufraghi dell’Isola a quei telespettatori che si traghetteranno da un canale ad un altro. I cambi di rotta, certe volte, possono solo essere un bene.

Maria Lo Bianco

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Silvana svrice:si e proprio bello sentirsi parte di una comunita e potersi parlare tra noi sul sito del Sindaco! allora non perdiamoci. per contattare le volontarie puoi telefonare al numero dell’associazione Al confine 0255010648: potresti comunque venire a prendere un te da noi un mercoledi, e poi una delle nostre anziane abita in Cenisio a prestosilvana

Lascia un commento