giovedì, 26 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Buon Canone Nuovo
Pubblicato il 17-01-2012


raiInizia il nuovo anno e, puntuali come i propositi di dimagrire, arrivano gli spot sul Canone Rai. E come ogni anno milioni di persone, cittadini, telespettatori, si chiedono perché pagare. È vero, spesso abbiamo questa tendenza a ritenere le tasse una scocciatura, ma io credo che dentro l’interrogarsi sull’utilità del Canone Rai ci sia altro, e per accorgersene basta accendere la TV. Se da un lato il 2011 è stato un anno molto buono per la fiction Rai, confermata al timone delle prime serate coi suoi capisaldi come Don Matteo, Montalbano e le miniserie in due puntate, ci sono state alcune rinunce sul versante show e talk show che hanno lasciato tutti senza parole. Rinunce: non c’è altro modo per definire quello che la Rai ha fatto con Annozero, Parla con Me, X Factor. La logica dietro la cancellazione di programmi di grande successo non risponde a un’idea di industria culturale moderna, ma ad interessi di altro tipo, che nulla hanno a che fare con la TV di qualità o col Servizio Pubblico.

Queste scelte sono state fatte, oltretutto, ignorando la parte più importante della questione: i telespettatori. Noi. Perché non è vero che “il pubblico si disaffeziona alla televisione”: metà dei telespettatori italiani era davanti alla TV durante lo show di Fiorello. La gente guarda solo quello che apprezza, e non “quello che la TV gli propina”. Per questo, quando la TV pubblica decide di punto in bianco di cancellare i nostri programmi preferiti, tendiamo a chiederci “Ma io che tipo di servizio sto pagando, esattamente?” e per questo alla Rai tocca tirare in ballo uno spot che scomoda Giovanni Paolo II, i volontari, l’Unità d’Italia.

Uno spot che sembra quello dell’otto per mille alla Chiesa Cattolica, e che piuttosto che parlare di traguardi raggiunti in termini di qualità preferisce affidarsi alle classiche immagini emotive e coinvolgenti, che funzionano sempre e non impegnano. La Rai ci chiede quindi di pagare a prescindere, di fare un atto di fede, d’altra parte il Canone è un’imposta, e come tale è obbligatoria! Comunque, almeno un passo avanti lo potremmo fare, se pagassimo tutti: ci libereremmo da questi spot.

Maria Lo Bianco

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Per quello che offre la così detta TV pubblica sarebbe meglio abolire il canone, inoltre vista la crisi che ancora una volta sono costretti a farne le spese i soliti noti con i forti restringimenti economici di ogni famiglia, sarebbe opportuno privatizzare la RAI e abolirne il canone.

Lascia un commento