domenica, 22 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Emergenza freddo, noi City Angels in soccorso dei senza tetto
Pubblicato il 31-01-2012


Da giovedì il freddo siberiano dovrebbe farsi sentire prepotentemente su tutta la penisola. Non solo neve, ma anche vento gelido creeranno non pochi problemi nelle grandi città, dove la presenza di senzatetto fa scattare l’emergenza freddo. La paura che il gelo, accentuandosi con l’arrivo della sera, sia fatale a chi vive di espedienti per strada porta le istituzioni ad organizzarsi per fronteggiare l’emergenza. Pietro Leotta, coordinatore delle sezioni dei City Angels, associazione in aiuto ai cittadini, spiega come si è organizzata la città di Milano per affrontare l’inverno.

Che iniziative prenderete a favore dei senzatetto nel periodo invernale?

In sinergia con altre associazioni milanesi abbiamo messo a punto una strategia ad hoc. Innanzitutto abbiamo predisposto un punto caldo, in centro a Milano, dove i volontari, sia nostri che di altre associazioni, ricevono i clochard in alcune roulotte: a disposizione ci sono anche i medici volontari, l’autoambulanza e una macchina della protezione civile. Coloro che hanno freddo e cercano un posto dove poter dormire vengono accompagnati al dormitorio. Inoltre abbiamo le unità mobili che si spostano nella città per distribuire cibo, coperte e bevande calde.

Per il prossimo fine settimana è previsto l’arrivo di una forte ondata di gelo, ci sono progetti per tamponare l’emergenza?

Abbiamo in programma di aprire una stazione della metropolitana per metterla a disposizione dei senza tetto, ci saranno stufe e persone per controllare che non accada niente. Siamo però ancora in attesa di conferma. In questo modo dal centro di Milano ci sposteremo alla stazione della metro in zona Vittor Pisani, vicino alla stazione centrale.

Qual’ è il maggiore dei problemi nell’affrontare l’emergenza freddo?

Sono le persone che non vogliono accettare aiuto: la difficoltà sta nel convincere i senza tetto stanziati in un posto da tempo a spostarsi dove potrebbero avere sussidi.

In quali zone sarete più attivi?

Come ogni sera, con le unità mobili terremo sotto controllo le zone circostanti la stazione centrale, piazza Duomo e Greco.

Cosa possono fare i cittadini per esseri utili?

Come ogni anno sono ben accette coperte, sacchi a pelo e cibi caldi. Inoltre, siccome la crisi si è abbattuta anche su di noi, i donatori sono diminuiti e siamo sempre in cerca di soldi per portare avanti la nostra opera.

Martina Perrone

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento