giovedì, 26 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il quotidiano del Partito Socialista Italiano
Pubblicato il 05-01-2012


Siamo Avanti! dal 1896: si legge così sulla testata dello storico giornale che oggi rinasce. Questa volta è vero. Dopo diciotto anni l’Italia ritrova, come scrive il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, un importante contributo “al pluralismo dell’informazione e al dibattito politico e culturale”. Il Partito Socialista Italiano, unico legittimato alla proprietà della testata, ritrova il suo quotidiano. Suo perché nel progetto che ha consentito al giornale di rinascere si può riconoscere.

 

Ho parlato di proprietà e in questo caso è giusto farlo, se non altro per denunciare ogni tentativo vecchio e nuovo di impossessarsi di una testata che ha fatto la storia del riformismo, la storia dei diritti in Italia. Ma non è una proprietà che voglia escludere – o peggio irreggimentare – i contributi di altri. Non è una proprietà padronale. Piuttosto è l’avallo a una scelta di libertà e di ascolto dei bisogni. Uno spazio aperto a tutte le istanze sociali, oltre che a tutte le idee socialiste e laiche. E soprattutto per questo, alla voce indipendente del giornale il Partito unisce oggi la sua. Non di proprietario geloso. Di amico autentico.

 

Avanti! torna a far sentire a quest’Italia la voce delle donne e degli uomini, dei giovani che sperano, attendono, costruiscono una stagione di maggiori diritti, un tempo di rispetto dei cittadini, come persone e come aggregazioni in cui si esprimono e che la Costituzione tutela. Quegli “eroi per caso” grazie ai quali torneremo a vincere. Le persone che si alzano presto al mattino per andare a lavorare o a studiare, mentre sottraggono loro risorse profittatori di ogni tipo, dall’evasione fiscale al malaffare criminale, alla corruzione. Quelle donne e quegli uomini che spesso non hanno un nome, ma senza i quali le luci del nostro Paese sarebbero spente da un pezzo. C’era bisogno di un giornale loro. C’è bisogno di una voce così. C’è bisogno del vero Avanti!

Riccardo Nencini

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. AVANTI! AVANTI! AVANTI! svegliamoci compagni….!! solo su facebook sembriamo centinaia di migliaia, possibile che non riesca a confermarli in consenso elettorale…??? Avanti PSI ,Avanti Nencini !!

    • Illusioni……………………………..ed e gravissimo dopo decenni di schifo, Come puo un paese essere risanato da chi lo ha distrutto?????? “SIAMO AVANTI DAL 1896” A BENE NEL IL 2896 SARETE ALLA PARI DI QUALCOSA ……. BOH LA SINISTRA E TUTTA UGUALE E INUTILE TIRARE FUORI LA STORIA OGGI NON CE PIU PRINCIPIO O LINEE GUIDA MORTE ALMENO TRENT’ANNI FA CON BERLINGUER ….OGGI E SOLO BANCHE POTERE E PRIVILEGI E INUTILE FUORVIARE LA GENTE CON BALLE ABNORMI PER SETE DI REINSERIRSI ALLA BELLA VITA DOVE TUTTO E DATO E CERTO LA GENTE DICEVO NON E PIU QUELLA DORMIENTE DI UNA VOLTA. LE NOSTALGIE IDEOLOGICHE SONO INFERTILI E DANNOSE OGGI.

  2. I più fervidi auguri da chi,come me, è stato sempre convinto che la storia ha bocciato il comunismo e dato invece ragione al socialismo democratico e che i problemi politici dell’Italia sono legati all’usurpazione di questo ruolo da parte di forze politiche che , pur non essendo intimamente ancora convinte di questo, si sono affrettate ad affibbiare ai Socialisti le responsabilitá della prima repubblica della quale invece sono stati solo ingiustamente il capro espiatorio. Non ci sarà mai una vera e sincera sinistra se non si riparte dalla sua radice storica! Ancora tanti auguri e congratulazioni !!

  3. Passo dopo passo, un giorno dopo l’altro, il Partito che abbiamo sognato in tanti in questi 20 anni, si sta materializzando sotto i nostri occhi. Una Segreteria, una Direzione, l’Avanti! della Domenica, MONDOPERAIO, Avanti! on line.In attesa dell’Avanti! cartaceo. Ecco quel nodo cruciale di cui nessuno parla: lo accenno io che sono un libero socialista: noi socialisti di base, siamo certi che i compagni del vertice abbiano sufficiente capacita’ strategica per capire che occorre unificare gli sforzi e remare tutti dalla stessa parte.Cosi si potra’ parlare di un giornale cartaceo che rappresenti tutti i socialisti, di azionariato popolare come meritevolmente qualcuno ha cominciato a fare. Ma prima di tutto il nodo e’ politico.Fine del berlusconismo, Partito collocato nel Centro sinistra,unita’ dei socialisti. Se siamo d’accordo su queste cose si puo’ partire da subito anche dal 6 Gennaio 2012. O no?

  4. Grazie per il ritorno e che sia di lunga vita! C’era bisogno della voce socialista in questo momento di disorientamento e sconcerto! Auguri a voi della redazione che con caparbietà avete ridato a questa storica testata il posto che le spettava.
    L’informazione sarà certamente più ricca e costruttiva.

  5. Leggevo Avanti! già nel 1946, quando avevo soltanto tredici anni. Lo leggevo ad alta voce perché potessero seguire insieme mio padre e mio fratello maggiore. Lo rileggo oggi, dopo venti anni di silenzio, e sono profondamente commosso. Grazie, Riccardo.

  6. per chi, come me , per anni ha diffuso l’Avanti! nelle periferie, davanti le chiese la domenica mattina oggi è una grande giornata di festa; non sembri un caso se riapriamo la nostra gloriosa testata nel 150 esimo anniversario della Repubblica Italiana. LEGGIAMO E DIFFONDIAMO L’AVANTI!

  7. Avevo perso l’interesse alla lettura dei quotidiani, non trovandone uno che informasse in mo libero e indipendente. Finalmente da ora il poi, con il ritrovato Avanti, potrò riprendere con la lettura quotidiana del giornale. GRAZIE DI ESSERE TORNATO!!!!!

  8. Bentornato Avanti! Hai dato, fin dall’inizio, voce, forza e speranza al Popolo Socialista e, ne sono certo, con te di nuovo al fianco sarà più facile riprendere il cammino di una storia momentaneamente interrotta, ma che nessuno potrà mai cancellare!

  9. Una volta riottenuto un giornale si può pensare davvero a far nascere un partito. Sarebbe bello che ci fosse UN giornale on-line connesso ad un giornale cartaceo: magari il primo diretto da Marrazzo il secondo da Rino Formica ed entrambi organi ufficiali del PSI

  10. ……………… e ora Riccardo, facciamo un altro sforzo: che l’Avanti! sia uno e uno solo! Una nuova “guerra” sarebbe del tutto inopportuna a vanificherebbe ogni sforzo.
    Un solo Avanti!, nel nome della sua storia e del suo domani, e con senso di resposnabilità di tutti.
    Facciamo una Conferenza Nazionale per riunire tutti, proprio tutti, nel nome del nostro storico quotidiano?
    Restituire al Partito lo stesso nome e la stessa unica voce sarebbe un grandissimo e storico successo! Del resto sarebbe nella tua linea di Fiuggi dell’incontro socialista, laico e liberale; non perdiamo l’occasione!

  11. Finalmente una notizia che aspettavo da anni: il “mio” AVANTI è tornato, anche se ON LINE….(c’è UNA VERSIONE STAMPABILE?). Nell’attesa che riappaia anche nelle edicole, auguro al direttore un’ottimo lavoro: i SOCIALISTI (quelli veri) esistono ancora e sono pronti a far valere le proprie idee con coraggio, serenità e orgoglio!

  12. Finalmente grazie alla tenacia di un piccolo grande partito il PSI torna AVANTI! il quotidiano di tutti i socialisti e non solo. Ora è on line, ma sicuramente in un prossimo futuro lo troveremo nuovamente nelle edicole italiane per testimoniare che l’Italia è ancora un paese dove i socialisti sono presenti con le loro idee e con la loro cultura che è quella della libertà e di una più equa giustizia sociale.

  13. Concordo su tutto quello che hai scritto e sono disposto a diffondere il giornale nei bar, la domenica, come ai vecchi tempi. Auguri a tutti coloro che ancora si sentono compagni socialisti

  14. Credo che d’ora in poi i socialisti si sentiranno un pò più socialisti, consapevoli che il nostro giornale non è più in certe mani. Spero che questo sia il primo passo per ricostruire davvero il PSI.

  15. Noi non abbiamo mai dimenticato dove è la sinistra e come ci si chiama “COMPAGNI”!!! Una gran parte della sinistra invece non sa più neppure come si chiama ed allora ben tornato AVANTI! tracceremo un nuovo sentiero e lì nascerà una nuova Italia fondata sulla giustizia sociale, sulla tollerenza ed aperta ai giovani ed a tutto ciò che di nuovo ci può offrire la vita che viviamo.

  16. Cari compagni, il nostro giornale AVANTI è uno strumento molto importante per tutti i Socialisti, tutti siamo felici per il suo ritorno, ma non bisogna solo come un giornale di informazione vera, ma bisogna utilizzarlo come mezzo di diffusione delle nostre idee.
    In Italia e nel mondo i mezzi di informazione hanno ormai perso la loro funzione, sono al sevizio delle lobi finanziarie disinformando i cittadini, il nostro giornale non è, e non deve essere tra questi, deve essere un giornale che diffonde la verità, per queste ragioni dovrà dare molto spazio ai cittadini e meno ai politici anche se sono del nostro partito.

  17. AUGURI ALL’AVANTI PER RICOSTRUIRE LA SX ITALICA. CERTO CHE LE SPINTE PER SUPERARE IL SOCIALISMO DEMOCRATICO ITALIANO ED EUROPEO VERSO UN PD DI TIPO USA, SONO TANTE…ED IN QUESTO L’AVANTI HA UN GRANDE COMPITO NEL MANTENERE LA TRADIZIONE CULTURALE SOCIALISTA ITALIANA.

Lascia un commento