mercoledì, 19 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il senso di Miuccia Prada per il potere
Pubblicato il 16-01-2012


L’uomo è un alto funzionario di Stato che marcia a passo spedito su seicento metri quadri di tappeto rosso e nero, sotto una pioggia di gelidi neon. In tempi austeri di vecchio stile tiepido e cortese, nessuno più di Miuccia Prada, signora milanese dal fascino discreto e dall’intuito pioniere, sarebbe riuscito a mettere in scena la parodia del potere maschile nel palazzo. Lo fa con consueta ipervisione attraverso il canale che l’ha resa celebre nel mondo: la Moda.

Una sfilata sobria e spettacolare destinata a essere ricordata nel tempo, non solo per la presenza scenica di nove attori, tra i quali Jamie Bell, Gary Oldman, Adrien Brody, Emile Hirsch e Willem Dafoe, ma per quel tocco avanguardista che offre all’uomo l’autorità di poter affermare, anche di fronte a un’opposizione, il proprio stile.

Il gerarca contemporaneo è ingessato dal dolcevita sotto la camicia a collo alto, fasciato nella nuova e seriosa regola della stratificazione del cappotto, fedele alle sue passioni appuntate al rever: riconoscimenti militari, spille di confraternite universitarie, simboli massonici, garofani di pelle, e fazzoletti inamidati che diventano origami.

Anche da Prada l’opulenta austerità del capospalla sarà l’imperativo categorico dell’eleganza per il prossimo inverno. Classico, impreziosito da colli di pelliccia di astrakan. Concettuale, a microstampa tipica delle cravatte. Da sera, come una vestaglia a doppio petto, quasi a lanciare il messaggio che il lusso esclusivo sia l’unica occupazione di una casta privilegiata. I riferimenti a persone e fatti del presente sono puramente casuali. Miuccia Prada conduce la sua determinata missione pensando alle più avvincenti citazioni storiche del potere. Questione di stile.

Martina Alice de Carli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento