martedì, 18 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La sartorialità barocca di Dolce&Gabbana
Pubblicato il 15-01-2012


Il giovin signore si muove in una perfetta sincronia di barocco e sartoriale, davanti a uno specchio poggiato a terra e a un lampadario di cristallo parzialmente coperto da un telo bianco, sulle arie celebri di Giuseppe Verdi intonate dal maestro Pavarotti. Una visione sorprendente, come un baule pieno di ricordi, e una nostalgica evocazione che sprona a riprendere il passato per proiettarlo nel futuro.

Simboli dell’antica devozione classica e segni di una consapevole revisione stilistica che convivono armonicamente. E poi il lusso, quello affollato dai virtuosismi e dalle vistosità, che diventa il filo conduttore della collezione uomo Dolce&Gabbana per l’inverno 2013. Opulenza, mon amour: colli e pellicce di montone invecchiato, e la magnificenza, mai sfrontata, degli ornamenti in filigrana d’oro che donano alle corpose giacche in panno di lana grigia una ridondante sacralità «barock». I ragazzi, puntigliosamente eleganti, esaltano capispalla retrò dalla linea asciutta e dall’aspetto robusto che si evolvono in cappotto ideato in varie forme e proporzioni: da quello per il giorno a quello per la sera, fino ad autocelebrarsi in un paltò a martingala o in un tabarro di fine secolo liberamente ispirato a un mantello del padre di Domenico Dolce.

Se il denim, continuando ad avere un posto d’onore nel guardaroba per il prossimo inverno, fa largo al gessato e al velluto – artisticamente cardati, bolliti, e sgualciti – il pigiama di seta, simbolo di ricchezza e decadenza, utilizzato per rincorrere sonni tranquilli, si trasforma in un disinvolto abito da sera da indossare sotto la giacca o in alternativa allo smoking. Il giovin signore, sulle note di «Libiamo ne’ lieti calici», senza snaturare la tradizione delle vecchie sartorie italiane, lancia un messaggio: «Ci possono togliere i soldi, ma non i sogni».

Martina Alice de Carli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Il problema non è che internet fa strani scherzi. Qualche avanzo del ciarpame culturale della sinistra pauperista pensa ancora che parlare e scrivere di moda sia politicamnete scorretto, arrivando al punto di menare scandalo perchè l’Avanti! lo fa.
    Il sig Pascale è meglio che si applichi a un rapido refresh e si guardi un pò intorno. La moda (se non sbaglio fu proprio Craxi ad affermarlo) è una voce importantissima della nostra disastrata economia, crea professionalità e offre lavoro. ed è ormai un segmento della cultura del mondo globale.
    Bene fa l’Avanti! a scriverne.
    PS. complimenti all’autrice dell’articolo

Lascia un commento