giovedì, 26 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Lega ladrona Giussano non perdona!
Pubblicato il 24-01-2012


Altro che “Roma Ladrona”: è la Lega ad aver rubato, non soldi o voti, ma quello che è diventato il suo simbolo, un Alberto da Giussano con tanto di scudo e spada sguainata. Una cosa è certa. Il partito del Senatùr tiene al suo vessillo tarocco più che al tricolore. Ma si sa, in politica i simboli contano tanto, forse troppo quando ad essere sacrificata è la verità storica, quando ad un popolo verde sempre più sfilacciato e rancoroso verso un leader che non riconosce più, si dà in pasto una patacca e si calpesta la bandiera italiana. Quest’ultima sì vessillo della nostra Storia, della nostra cultura, delle coscienze unite per un’idea e del sacrificio di tanti che hanno permesso la nascita del nostro Paese.

FALSI STORICI – Ma veniamo alla “Lega ladrona” di simboli e a quell’Alberto da Giussano indebitamente assurto a paladino delle istanze secessioniste, già di per sé antistoriche e contrarie a quanto sancito nella nostra Costituzione. «Non capisco come i padani possano accostare la figura di Alberto da Giussano ad una visione secessionista. L’impero con il quale lottavano i movimenti padani – ha dichiarato la professoressa Anna Benvenuti, storica medievalista – è legato ad una storia di sottomissione: non si possono applicare categorie di oggi a situazioni di allora, il movimento comunale non ha nulla del secessionismo».

MEDIEVALISTA – E così, da una voce autorevole, viene smascherato il gioco della Lega che si è appropriata indebitamente di una figura tutt’altro che interessata a distaccarsi dal Sud del Paese. Alberto da Giussano fu un leggendario condottiero che comandò la cavalleria della Lega Lombarda durante la storica battaglia di Legnano del 1176 che oppose i Comuni dell’Italia Settentrionale all’invasore germanico Federico Barbarossa. «Non si può comparare il movimento di autonomia comunale alla creazione di un’autonomia padana – prosegue la professoressa Benvenuti – sono fenomeni incomparabili. La scelta della figura di Alberto da Giussano è solo un pretesto identitario legato alla convergenza con le istanze di autonomia comunale: una comparazione storicamente sprovvista di fondamento. Fra le due realtà c’è lo stesso rapporto che possiamo trovare tra Walt Disney e la documentaristica».

TRICOLORE – Circa la vicenda della scorsa domenica a Milano, quando la polizia ha richiesto la rimozione del tricolore esposto dai socialisti in opposizione pacifica alla manifestazione leghista in piazza del Duomo, la professoressa ha dichiarato: «Non la ritengo una cosa che possa sollevare altro che una risata inquietata. Per motivi di ordine pubblico si può sciogliere un’assemblea non autorizzata, non rimuovere il tricolore. Mi sembra grottesco».

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Pingback: LEGA LADRONA, L’ALBERTINO (DA GIUSSANO) NON PERDONA | L'Indipendenza

  2. non capisco nemmeno io che te frega a cosa credono i padani! e non capisco nemmeno come mai la gente del sud accetta dei soldi dal nord come se fossero il terzo mondo, la dignità di quel popolo dove è?? senza poi dire di come poi quei soldi spariscano.. un altra cosa che vorrei capire come mai al nord la prevalenza dei posti statli viene data alla gente meridionale? tipo un 90 % in istituzioni come l’inps agenzia delle entrate,poste ecc.. è questa la chiamate unità d’italia?? per forza c’è repulsione al tricolore quando questo viene tradito proprio dall’opportunismo di quelli del sud che oltretutto bloccano lo stesso sud, rubare allo stato e chiedere sussidi vuol dire rubare a tutti gli altri italiani che pagano!! è una vergogna vedere dove un gruppo di persone vivono alle spalle del lavoro di altre!! chissà chi sono i razzisti!! unità d’italia pfui!! quando saranno tutti molto più onesti allora si! lo metterai sto commento vero?? ^^

  3. Pingback: Barbarossa, la fiction leghista su Alberto da Giussano stroncata al cinema e in TV: la noia non perdona | Avanti

Lascia un commento