domenica, 22 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Legambiente, contro l’inquinamento interventi strutturali
Pubblicato il 23-01-2012


Lo scorso venerdì è stato presentato lo studio di Legambiente legato a “Mal’aria”, campagna contro l’inquinamento dell’aria soprattutto nelle grandi città. «Il dossier apre con la classifica delle città dove il livello di PM10, le famosi polveri sottili, è stato maggiormente superato, situazione riscontrata dopo uno studio effettuato su 85 capoluoghi di provincia. Nel 2011 sono stati 55 i capoluoghi a superare il livello massimo consentito di emissione di PM10 nell’aria». A spiegare i risultati dello studio è Giorgio Zampetti, membro del direttivo nazionale di Legambiente, tra i curatori del dossier.

«Tenendo presente i dati degli anni passati, il problema è assolutamente irrisolto – continua Zampetti – In tutte queste città il dato 2011 è maggiore di quello 2010. Il problema dell’inquinamento non solo non ha trovato soluzione, ma anzi peggiora». Secondo Legambiente l’attenzione alla problematica non è trattata con la dovuta serietà e, stando ai dati, gli interventi posti in essere finora non hanno apportato alcun miglioramento alla situazione dell’inquinamento nelle città.

«Chiediamo alle amministrazioni locali di porre in essere azioni concrete – prosegue il membro di Legambiente – Finora abbiamo assistito ad interventi spot, non risolutivi, come le targhe alterne. Sono necessari interventi strutturati, volti alla limitazione delle aree percorribili, come è successo a Milano con l’introduzione dell’area C, e mirati all’investimento nel trasposto pubblico».

Il contributo principale all’emissione di PM10, nonché di altre sostanze nocive per l’ambiente e per la salute dei cittadini, arriva dal trasporto su strada, al quale si aggiunge il riscaldamento, soprattutto nei mesi invernali. Una delle soluzioni secondo Legambiente sarebbe proprio la diminuzione dell’utilizzo del trasporto privato, al quale però è propedeutico un miglioramento del trasporto pubblico: «Per quanto riguarda i pendolari – conclude Zampetti – per i quali abbiamo in atto una campagna intitolata appunto “Pendolaria”, il trasporto su ferro è decisamente carente: chiediamo 1000 treni in più sul territorio nazionale. All’interno delle città invece abbiamo fatto proposte differenziate a seconda delle caratteristiche della città stessa».

Nello scorso weekend sono state numerose le iniziative di Legambiente legate all’argomento. Tra le altre, a Roma, è stato consegnato il cigno nero al sindaco Alemanno, per sottolineare il problema dell’inquinamento e la mancanza di interventi in merito. Adesso la campagna prosegue con interventi di sensibilizzazione nelle scuole.

Martina Perrone

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento