domenica, 16 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Les fleurs du Gucci
Pubblicato il 16-01-2012


Il flâneur proposto da Frida Giannini per la collezione autunno/inverno 2012-13 di Gucci vaga per le vie cittadine decantando le liriche dello stile più alto. Un bohèmien che predilige i pantaloni a sigaretta di lana stampata, e le giacche avvitate. Un dandy innamorato del cavallino tagliato al laser, che crea effetti vellutati su giacche e cappotti da sera. Un ricco esteta che coltiva l’idea del bello sulla propria persona. Possiede così, a suo piacere immenso, il gusto sfrenato della lussuosa semplicità, che è poi il modo migliore di distinguersi. Di giorno ama il cardigan lavorato a trecce, il giubbotto con collo di castorino, le sneaker con imbottiture di shearling, gli stivali da equitazione in pelle di vitello. La notte – quando il dandy baudelairiano è superbo, senza calore, e malinconico – il neo-dandy griffato Gucci trova la sua perfetta espressione nell’uso di pellicce, nei mocassini in coccodrillo, e nelle pantofole in velluto jaquard: o questo o niente, più in giù di così non si abbassa. Sarà anche prêt-à-porter ma i pezzi di questa sublime collezione potranno permetterseli davvero in pochi. Niente di nuovo, in fondo: Gucci si compra perché rappresenta la soave essenza del lusso, piacevolmente spudorato, indifferente al resto, e mai volgare.

Martina Alice de Carli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Aprire ad altri temi di carattere sociale e culturale, anziché limitarsi solo alla politica, mi sembra proprio una scelta sociologicamente adeguata ai tempi che impongono cambiamenti, fatto che, tra l’altro, attrae potenzialmente altre fasce di lettori interessati non solo alla politica. E non è questo forse il fine di qualsiasi giornale, che venga, cioè, letto da un numero sempre maggiore di lettori?!
    Complimenti al Direttore Giampiero Marrazzo per tale scelta editoriale!

Lascia un commento