martedì, 18 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Secondo l’Istat l’Italia è matematica e impoverimento
Pubblicato il 13-01-2012


Su matematica e statistica circolano tante battute, per esempio che la prima non sarebbe un’opinione e che la seconda è quella scienza in base alla quale se io mangio un pollo e tu digiuni abbiamo mangiato mezzo pollo ciascuno. Ma in qualche caso matematica e statistica descrivono una condizione sociale precisa. Lo fa, per esempio, il rapporto diffuso oggi dall’Istat, appunto l’istituto nazionale di statistica, sull’impoverimento delle famiglie italiane. In realtà, dai numeri dell’Istat, riferiti al terzo trimestre del 2011, sembrerebbe emergere un saldo zero. Nel periodo in questione, infatti, è stato rilevato un reddito disponibile delle famiglie in aumento dello 0,3% rispetto al trimestre precedente, ma un  potere d’acquisto in calo dello 0,3%.

Cioè seppure è entrato qualche soldo in più è valso di meno. A contestare questo tipo di matematica è il Codacons, l’associazione dei consumatori, secondo il quale il potere d’acquisto incide ovviamente soprattutto sui ceti più deboli. Il Codacons rileva che per le famiglie a basso reddito si è trattato di una stangata di oltre cento euro in tre mesi (105 euro per una famiglia di tre persone e 112 euro per una di quattro), una vera e propria “tassa invisibile da aggiungersi ovviamente alle tasse vere che sono state effettivamente introdotte dalle cinque  manovre del 2011”.

LIBERALIZZAZIONI CONTRO IL CARO PREZZI – Ecco perché, secondo il Codacons, «il Governo Monti, che ha pensato bene di bloccare l’indicizzazione delle pensioni e  contemporaneamente infiammare i prezzi rialzando accise ed Iva, dovrebbe ora affrontare il problema prioritario che impedisce all’Italia di competere con Germania e Francia: il fatto che i consumatori e le imprese italiane hanno i conti correnti, i mutui, le assicurazioni, la benzina, i farmaci e le bollette di luce, gas e telefono più cari d’Europa». Per questo il Codacons «insiste nel chiedere a Monti di porre la fiducia sul provvedimento relativo alle  liberalizzazioni ed insiste nel chiedere che la concorrenza sia introdotta in primo luogo in questi settori strategici».

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Non c’è dubbio che quella delle liberalizzazioni è una partita complessa e difficile per Monti, non soltanto per le forti resistenze delle varie corporazioni, ma anche per le posizioni di sostanziale contrasto che emergono dal fronte Berlusconiano in particolare. Su di esse si potrebbe verificare “l’incidente parlamentare”, che Berlusconi avrebbe promesso a Bossi, per andare alle elezioni anticipate a Giugno e ricompattarsi nella precedente alleanza. Sarà una battaglia di fioretto per difendere gli Avvocati, i Tassisti, i Farmacisti, ecc., tutti gruppi che pesano alle prossime elezioni. Spero che il Partito dopo la presentazione del Decreto Legge, promuova insieme ad altri , la raccolata delle firme a sostegno delle Liberalizzazioni spieandone i reali vantaggi.

  2. Va affermato con forza, sopratutto nell’analisi di situazioni di grave disomogeneità come quella attuale, che la matematica (ed in particolare la sua parte statistica) è un’opinione. Nel senso che con i numeri e con i dati si può giocare e fare in modo che dicano quello che vogliamo che dicano.
    Più specificamente, è fortemente riduttivo e mistificante presentare (come purtroppo è abitudine, anche per scarso senso scientifico) solo valori medi, senza indicazioni di indici di dispersione, che consentano di valutare appunto la dispersione dei dati attorno al valore medio, e di conseguenza le situazioni estreme (verso l’alto e verso il basso), le sperequazioni, i disagi e le ingiustizie sociali.
    Una battuta cattiva sulla statistica è che, dopo aver elaborato i dati, ci dice cose che già sappiamo. Può essere vero; ma l’importante è che sostanzi con i dati quello che magari già sappiamo ma che non “vediamo”, così da stimolare ed indirizzare l’azione politica.

Lascia un commento