sabato, 22 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Forconi, la denuncia: «A Roma sinni fùttino di noi, faremo casino»
Pubblicato il 23-01-2012


Le pompe di rifornimento sono ormai a secco. E sembrano inutili, laddove ancora si vedono, le file interminabili di macchine e motorini nei distributori per avere un goccio di carburante. I mercati e i supermercati hanno gli scaffali vuoti e generi come frutta e verdura sono merce introvabile. Qualcuno lamenta casi di speculazione e mercato nero sia della  benzina che dei generi alimentari. Mentre a Mazara Del Vallo fioccano le denunce di furti di carburante direttamente dalle auto.

I MOTIVI DELLA PROTESTA – Il movimento dei «forconi» ha messo la Sicilia in ginocchio. E non è detto che la fine del blocco dei tir, attesa per mezzanotte, allevi in modo deciso la situazione. Caro benzina, caro assicurazioni, aumento generale delle tasse, insufficienza del sistema infrastrutturale viario: le cause del malcontento degli autotrasportatori sono tante. E si saldano con la protesta degli agricoltori e dei pescatori. I primi denunciano prezzi imposti di vendita da fame (ma poi la filiera li gonfia fino al consumatore finale), i secondi si scagliano ancora contro il caro gasolio e contro i fermi-pesca obbligatori.

LA TESTIMONIANZA – «Vogliamo fare una rivoluzione culturale perché qui non si può più andare avanti – dice all’Avanti! online un autotrasportatore del messinese che chiede l’anonimato – Io percorro in media 200-300 km al giorno e a fine serata mi restano 10 o 20 euro per mangiare. Mi dispiace per i disagi che stiamo creando, ma tanto a Roma sinni fùttino (se ne fregano) di quello che succede qua e l’unico modo per farsi sentire è fare casino». Dal punto di vista della circolazione, la situazione peggiore è proprio nel cuore della Sicilia: presa di mira la statale 624 Palermo-Sciacca, blocchi sono presenti anche sulla 115 e sulla 114 all’altezza di Acireale. A Catania è stato interdetto l’ingresso in porto ai mezzi pesanti. Fuori uso pure gli svincoli di Avola e Lentini dell’autostrada Siracusa-Catania. Mentre un presidio anima la statale 113 all’altezza di Milazzo. A Messina, infine, pesa il blocco dei caselli autostradali.

IL SOSTEGNO LOCALE – Nelle grandi città scarseggiano i beni di prima necessità e la gente inizia a centellinare la benzina che ha in serbatoio. E’ chiuso il mercato ortofrutticolo di Vittoria, uno dei più importanti della Sicilia. Mentre la situazione è già di vera emergenza nelle isole, Eolie in testa. Il movimento dei «forconi», comunque, gode di ampio sostegno nella popolazione locale e molti, anche sui social network, dicono in queste ore di essere pronti ad affrontare qualche sacrificio pur di vedere la protesta andare avanti. Nel frattempo ai camionisti e agli agricoltori si stanno aggiungendo studenti, commercianti, disoccupati. Il governatore siciliano Raffaele Lombardo ha avuto un lungo colloquio telefonico con il premier Mario Monti e questa settimana dovrebbe volare a Roma per un faccia a faccia a Palazzo Chigi.

RISCHIO INFILTRAZIONI – E’ il vecchio ribellismo siciliano, venato di pulsioni separatiste, che torna a galla? Forse non solo.La Digos sta indagando su infiltrazioni di estremisti di destra e sinistra. Ma il movimento si è indispettito soprattutto per le dichiarazioni dei giorni scorsi di Ivan Lo Bello, presidente di Confindustria Sicilia, che ha parlato di possibili inquinamenti mafiosi a danno della protesta. Gli imprenditori dell’Isola hanno anche presentato un dossier al procuratore nazionale antimafia Piero Grasso e l’attenzione si concentra soprattutto sul controllo criminale della filiera agroalimentare, dai terreni alla produzione e fino alla distribuzione nei supermercati. Le città più a rischio sarebbero Augusta e Lentini, quelle in cui la protesta ha avuto una particolare veemenza. In ogni caso, ora si teme è che il virus dilaghi nel resto della Penisola. Dalla Calabria giungono attestazioni di solidarietà al movimento, qualcosa si muove in Puglia e gli agricoltori del Lazio hanno minacciato di prendere esempio dai colleghi siciliani già a partire da domenica.

Ulisse Spinnato Vega

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Non posso credere che si perda occasione di parlare di quello che il movimento può rappresentare. Il qualunquismo dei demagoghi che lo rappresentano è molto pericoloso e la minaccia di “portare il malcontento a Roma” risuona vecchia di novant’anni.
    D’altra parte, l’assenza delle forze che dalle masse traggono la propria ragion d’essere è miope e colpevole, e lascia spazio agli estremismi invece di svolgere il tipico ruolo educativo proprio del Socialismo.

Lascia un commento