domenica, 21 dicembre 2014
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Home
Opinioni e commenti
 

Nani e ballerine
Pubblicato il 26-01-2012


La scelta di Mediaset di non pubblicare online tutti i suoi contenuti dopo la messa in onda, a differenza di Rai e La7, potrebbe apparire un po’ fuori dal tempo, nel 2012. Ma dopo la prima puntata del Chiambretti Sunday Show, si capisce che c’è dietro una strategia: l’obiettivo è dimenticare tutto al più presto. L’ospite d’onore, presente per la prima ora di trasmissione (durata complessiva due ore e tre quarti: in Italia, prima serata eterna o niente) era Peter Dinklage, americano, fresco di Emmy e Golden Globe come migliore attore non protagonista nella serie Game of Thrones – Il Trono di Spade, una delle produzioni HBO più belle del 2011.

TOS – All’attore è stato riservato il tradizionale “Trattamento Ospite Straniero”, che consiste in interviste improbabili e momenti tra il surreale e l’imbarazzante. Dinklage, per chi non lo sapesse, è affetto da nanismo, ma ci ha pensato Chiambretti a ribadircelo, casomai ci fosse sfuggito: una domanda su due era imperniata proprio sull’essere nani. Complimenti per l’originalità. E in uno show italiano che si rispetti non possono mancare gli stacchetti musicali sexy: affascinanti ballerine vestite in economia hanno più volte attorniato l’ospite, giocando a sedurlo. L’attore è sembrato, più che imbarazzato, perplesso. Menomale che non esiste la lettura del pensiero, altrimenti si sarebbe sentito un chiarissimo “Ah, quindi è vero. Gli show italiani sono così.”

FENOMENI DA BARACCONE – Un’immagine è forte quando è coerente e duratura: l’Italia ultimamente ha brillato per soubrette, fenomeni da baraccone e imbarazzo, riuscendo a costruirsi una solida reputazione mondiale. Perché cercare di darsi un’altra immagine quando quella che abbiamo è così ben sedimentata, perché fingere di essere diversi? Ironia e satira, quando non hanno più niente da dire, servono solo a esporre il trito e ritrito giustificandolo con l’irriverenza, riproposta sempre identica a se stessa: noi non vogliamo essere diversi. E allora, almeno, smettiamo di invitare ospiti stranieri. Basta con le figuracce e con la vergogna, basta con le conferme degli stereotipi peggiori. Invitiamo solo gente che ci conosce bene, gente con gli anticorpi, che quando torna a casa non debba dire “Avevate ragione, in Italia solo nani e ballerine.”

Maria Lo Bianco

Alfano bce Beppe Grillo Berlusconi bersani camera CGIL crisi disoccupazione elezioni Enrico Letta europa Francia Germania governo Grillo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Letta M5S Marco Di Lello Mario Monti Matteo Renzi monti Napolitano Nencini OBAMA pd Pdl Pia Locatelli psi Renzi Riccardo Nencini roma Sel senato socialisti Spagna UE Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Non criticare la televisione non fare gli snob e neanche i radica chic, Avanti in formato comunista non va!

  2. Avanti cosi’!!! Se la critica e’ intelligente, puo’ (anzi, deve) spaziare a 360 gradi. Senza preoccuparsi delle etichette stupide e stereotipate.

  3. Al Signor Noli: Cosa c’entra il comunismo? Oppure lei ritiene che occorre essere comunisti per esprimere una critica?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 − due =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>