giovedì, 24 aprile 2014
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Home
Opinioni e commenti
 
Nani e ballerine
Pubblicato il 26-01-2012


La scelta di Mediaset di non pubblicare online tutti i suoi contenuti dopo la messa in onda, a differenza di Rai e La7, potrebbe apparire un po’ fuori dal tempo, nel 2012. Ma dopo la prima puntata del Chiambretti Sunday Show, si capisce che c’è dietro una strategia: l’obiettivo è dimenticare tutto al più presto. L’ospite d’onore, presente per la prima ora di trasmissione (durata complessiva due ore e tre quarti: in Italia, prima serata eterna o niente) era Peter Dinklage, americano, fresco di Emmy e Golden Globe come migliore attore non protagonista nella serie Game of Thrones – Il Trono di Spade, una delle produzioni HBO più belle del 2011.

TOS – All’attore è stato riservato il tradizionale “Trattamento Ospite Straniero”, che consiste in interviste improbabili e momenti tra il surreale e l’imbarazzante. Dinklage, per chi non lo sapesse, è affetto da nanismo, ma ci ha pensato Chiambretti a ribadircelo, casomai ci fosse sfuggito: una domanda su due era imperniata proprio sull’essere nani. Complimenti per l’originalità. E in uno show italiano che si rispetti non possono mancare gli stacchetti musicali sexy: affascinanti ballerine vestite in economia hanno più volte attorniato l’ospite, giocando a sedurlo. L’attore è sembrato, più che imbarazzato, perplesso. Menomale che non esiste la lettura del pensiero, altrimenti si sarebbe sentito un chiarissimo “Ah, quindi è vero. Gli show italiani sono così.”

FENOMENI DA BARACCONE – Un’immagine è forte quando è coerente e duratura: l’Italia ultimamente ha brillato per soubrette, fenomeni da baraccone e imbarazzo, riuscendo a costruirsi una solida reputazione mondiale. Perché cercare di darsi un’altra immagine quando quella che abbiamo è così ben sedimentata, perché fingere di essere diversi? Ironia e satira, quando non hanno più niente da dire, servono solo a esporre il trito e ritrito giustificandolo con l’irriverenza, riproposta sempre identica a se stessa: noi non vogliamo essere diversi. E allora, almeno, smettiamo di invitare ospiti stranieri. Basta con le figuracce e con la vergogna, basta con le conferme degli stereotipi peggiori. Invitiamo solo gente che ci conosce bene, gente con gli anticorpi, che quando torna a casa non debba dire “Avevate ragione, in Italia solo nani e ballerine.”

Maria Lo Bianco




Commenti all'articolo
  1. Non criticare la televisione non fare gli snob e neanche i radica chic, Avanti in formato comunista non va!

  2. Avanti cosi’!!! Se la critica e’ intelligente, puo’ (anzi, deve) spaziare a 360 gradi. Senza preoccuparsi delle etichette stupide e stereotipate.

  3. Al Signor Noli: Cosa c’entra il comunismo? Oppure lei ritiene che occorre essere comunisti per esprimere una critica?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 − sei =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>