domenica, 22 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

No all’arresto Cosentino, la Lega non tradisce Berlusconi
Pubblicato il 12-01-2012


Bocciata la richiesta d’arresto a Cosentino. L’Aula della Camera ha negato l’autorizzazione all’arresto di Nicola Cosentino, il coordinatore campano del Pdl indagato per camorra. Contro l’arresto si sono espressi 309 deputati, a favore 298. Nessuno si è astenuto. Non appena il presidente della Camera ha letto il risultato del no dell’Aula alla richiesta d’arresto, tutti i deputati del PdL sono scattati in piedi e si sono diretti al posto di Nicola Cosentino per abbracciarlo e congratularsi con lui. Lungo è stato l’abbraccio tra lui e Alfonso Papa. Ma saluti e strette di mano sono arrivate da tutti gli altri colleghi di partito. Silvio Berlusconi, invece, è rimasto seduto al suo posto, pur esprimendo soddisfazione con Cicchitto e Alfano.

NENCINI – «I leghisti, nel ’92, sventolavano il cappio in parlamento di fronte a un socialista accusato di finanziamento illecito, in una delle scene più vergognose della nostra storia parlamentare, oggi diventano garantisti con chi è accusato dai giudici di Napoli di aver favorito il clan dei Casalesi». È il commento di Riccardo Nencini, segretario nazionale del Psi, nel giorno del voto sulla richiesta d’arresto per il deputato del Pdl Nicola Cosentino. «Da Bossi un pessimo esempio di coerenza morale e politica. E il voto segreto – conclude – è un ottimo scudo per celare le divisioni interne alla Lega stessa».

CASINI – «Per me è un errore politico, ma ovviamente è legittimo» il voto dell’Aula. Così il leader dell’Udc, Pierferdinando Casini, commenta in no di Montecitorio all’arresto di Nicola Cosentino, al termine delle votazioni.

LEGA – La Lega ha confermato in aula la libertà di coscienza sul voto sulla richiesta di arresto per Nicola Cosentino. Lo ha detto Luca Paolini a nome del gruppo del Carroccio, specificando che la Lega lascia libertà di coscienza ai deputati pur esprimendosi a favore del sì all’arresto perchè non c’è certezza che via fumus persecutionis su Consentino

 

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. La Lega ha fatto un grande progresso ha scoperto di avere una coscienza quando si è trattato di esprimersi nei confronti di un deputato del Sud, o BOSSI ha talmente bisogno di Berlusconi da non poterne fare a meno?

  2. Bossi non tradirà mai Berlusconi.Bisogna sempre ricordarsi che l’ex Presidente del Consiglio ha ripianato, alcuni anni fa, i debiti del Carroccio.A dir la verità potrei dire……non tutti i mali vengono per nuocere…..ora i leghisti dovranno spiegare alla loro base come mai erano “scatenati” contro i ladri socialisti ed ora salvano i camorristi del Sud….

Lascia un commento