martedì, 20 febbraio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Parliamone, non facciamo gli Indiani
Pubblicato il 11-01-2012


“Non fare l’indiano”, si diceva quando ero piccolo. Nel senso erroneo degli indiani d’America, i nativi americani di cui la leggenda tramanda l’abilità nel comunicare senza parlare. E io l’ho sempre interpretata al contrario, cogliendo la sfida e parlando, per ritorsione, a più non posso. Oggi mi ritrovo invece sempre più spesso a bocca aperta, quando guardo al lavoro incredibile che gli indiani – dell’India – riescono a produrre in tema di innovazione, in particolare nel web design.

Concept avveniristici, creatività, funzionalità che nella vecchia Europa, e nell’archeologica Italia, non esistono. Rovesciando la disparità tra vecchie e nuove potenze globali sul digital divide, ci fan mordere la polvere. Su LinkedIn si ricevono regolarmente proposte commerciali da programmatori indiani: disegnano un sito web e lo mettono online, curandone ogni dettaglio, incluso l’hosting e l’antivirus, per poche decine di euro l’anno, contro le mille e passa che dovrei pagare a Roma o a Milano. Offerta interessante per chi vuole spendere poco e addirittura irresistibile se si ha modo di valutare la qualità del prodotto. Sarà il caso di correre ai ripari, prima di dover correre a lavare i panni nel Gange.

Valorizzare gli studi scientifici, le borse di studio per ingegneri, premiare e finanziare le idee innovative sul web. Informatizzare il Paese, a partire dalla Pubblica Amministrazione, e interessarne tutte le fasce d’età. E poi, nel dettaglio del caso sollevato: software house miste italo-indiane? Neanche una. Corsi organizzati da indiani in Italia? Neanche l’ombra. L’information technology avanza e in India sembra si stia diffondendo un modo di dire, come rimprovero per i bambini che non vogliono lavorare al computer: “Oh, non farai mica l’italiano?”.

Aldo Torchiaro

Giornalista - Sotto Torchio

More Posts

Angela Merkel Angelino Alfano bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento