sabato, 22 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Rigorosamente Armani
Pubblicato il 18-01-2012


Non è poi così vero che la moda non rispecchi i tempi, anzi ultimamente più che precorrerli ne è la cartina tornasole. Nella fase che mai avremmo pensato di dover nuovamente affrontare, tra acuti di spread e precipizi di borse, Giorgio Armani, che ha chiuso il 2011 con una crescita economica a doppia cifra, ritrova il senso del rigore mettendo insieme romanticismo e comodità.

Un’estasi estetica costruita sulle giacche che danno una nuova forma alla figura umana, enfatizzando i punti forti e annullando quelli deboli.
Di dimensione un po’ ridotte, rispetto alla tradizione, evidenziano in modo naturale le spalle e il punto vita, e si combinano ai morbidissimi pantaloni a quattro pinces. Hanno una giusta dose di eccentricità, calibrata e portabile, il tweed e gli spigati dilatati che si alternano ai confortevoli tessuti stretch, ai fascianti cappotti a doppio petto in maglia, e ai maglioni «dolomitici» stampati su fondo leggero di cachemire, e spruzzati da azzurro ghiaccio e rosso ruggine.

Nel dizionario del dolce stil novo steso da Armani, non mancano il blu coniugato in tutte le sue variazioni, il sensualissimo e luminoso velluto liscio e nero che permette allo stilista «di usare il nero più del nero», e la t-shirt scura liberamente indossata sotto la giacca da smoking in lana pettinata. Se Dio è nei dettagli, come scriveva Mies van der Rohe, bisogna dire che si sarà sicuramente ritrovato nell’inflessibile e tradizionale esercizio di stile di re Giorgio.

Martina Alice de Carli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Le pinces applicate ai pantaloni da uomo non mi convincono. Però sono molto contento per il tweed, un tessuto naturale e concreto che non bisogna lasciare tramontare di nuovo in quest’era dove l’uomo è già abbastanza svilito da una moda anaerotica. Lo spettro della Contessa di Dunmore, che infesta ancora il suo castello nelle Ebridi, non sarebbe contento!

Lascia un commento