mercoledì, 13 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il tempo del viaggio
Pubblicato il 22-02-2012


“Perfect weather to fly” suonano silenziosamente gli Elbow e mi trasportano sù tra le nuvole o giù per mari cullandomi nel sogno del viaggio, della conoscenza e dell’amore verso il mondo che mi circonda. Abbiamo una sola terra e una sola vita a disposizione da esplorare con rispetto e curiosità. Tutti noi dovremmo con religiosa devozione intraprendere cammini di apprendimento per le strade del pianeta e confrontarci con altre culture e altre società, perché solo questo ci è dato a disposizione e nostro dovere è quello di divorarlo e renderlo parte della nostra vita.

Amo viaggiare e girare il mondo perché amo la gente. Mi commuovo nel vedere generi diversi, bambini, mamme, papà, uomini buoni, uomini cattivi, ciccioni, vecchietti, gli indifesi, i sicuri di sé, nonni felici, fratelli buoni, sorelle premurose, ragazzi arroganti, ragazzi perbene, ragazze allegre, uomini d’affari, nonne buone, belle donne, bambine che si credono grandi, bambini che si sentono piloti, uomini sfigati, donne grasse, ragazze sole, neonati, sudamericani pacioccosi, neri sorridenti, cinesi meticolosi, laboriosi indiani; i buoni, i cattivi, i tristi, gli allegri, i silenziosi, i vivaci, i soli e i simpatici. Tutto questo è fantasticamente commovente e mi spezza il cuore. Gli occhi delle persone mi lasciano senza respiro.

Come disse Noel Gallgher: “Non sono grande in nulla, solo nell’essere me stesso e fare ciò che amo”, e allo stesso modo anch’ io lascio che la mia anima si fondi con il mondo e ne catturi il valore più profondo. La meraviglia del nostro viaggio è poter scoprire tutto quello che ci circonda e farne tesoro, e così ognuno di noi dovrebbe viaggiare e scoprire quello che il mondo ci regala.

Intrapreso un viaggio poi è difficile staccarsene, è difficile tornare tra le vecchie pareti, perché siamo unica energia con tutto quello che circonda e la nostra anima ha fame di conoscienza, e non vi è conoscenza più grande se non quella della strada e delle persone che condividono la nostra stessa misteriosa esistenza.

Paco Cianci

Scrittore - InterRail: italiani prove di fuga!

More Posts

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento