mercoledì, 13 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La Capitale imbiancata ed è subito emergenza
Pubblicato il 03-02-2012


Tutta Italia sotto la neve. Questa al momento la situazione. Anche a Roma, città sicuramente non avvezza al fenomeno, la neve si è posata sulle strade creando situazioni di disagio e panico in tutta la Capitale. Le previsioni del Colonnello Giulliacci lo avevano annunciato per sabato, ma il fenomeno giocando d’anticipo rischia di bloccare la città eterna, come conferma il sindaco di Roma Alemanno al termine del comitato operativo convocato dal capo dipartimento della Protezione civile, per fare il punto sull’evoluzione del maltempo e sulle misure di prevenzione che potranno essere adottate.

ALEMANNO  – «Le previsioni dicono che da stanotte – spiega Alemanno – a tutta la mattinata e il primo pomeriggio di domani ci saranno precipitazioni di pioggia mista a neve. Sarà sempre incerto se la neve può attecchire o meno in città, dipenderà se si avrà un grado in più o in meno, sarà sicuramente presente nell’hinterland e ai Castelli. Dal pomeriggio il rischio neve aumenterà, ci sarà probabile neve sabato mattina anche in città tra i 5 e i 15 centimetri». «Dalla notte tra sabato e domenica – prosegue Alemanno – sono previste gelate e le condizioni di gelo perdureranno anche la prossima settimana con temperature che in nottata arriveranno fino a -10 gradi. Lunedì mattina, salvo gelate, la città dovrebbe essere sgombera dalla neve».

PROTEZIONE CIVILE – L’allerta è stata estesa a tutto il Lazio dove prosegue il monitoraggio della Direzione regionale della Protezione civile del Lazio sull’evoluzione della situazione meteorologica. Sono oltre 200 le organizzazioni di volontariato presenti sul territorio in costante contatto con la Sala operativa della Protezione civile che ha provveduto a fornire loro tutti gli strumenti e i mezzi utili. Alle associazioni sono state distribuite 250 tonnellate di sale, oltre ad avere a disposizione un centinaio di mezzi tra spazzaneve e spargisale, veicoli polifunzionali, unimog e pick-up attrezzati con lame spazzaneve e spargisale. I volontari della Protezione civile nelle ultime quarantotto ore sono intervenuti in tutte le province, con particolare riferimento alle zone più colpite dalle precipitazioni e dalle nevicate.

SCENE DI PANICO – Scene di panico in tutta la Capitale con scuole chiuse preventivamente e viabilità ridotta per tutti. Gli aeroporti di Roma e Alitalia hanno attivato un coordinamento operativo per monitorare l’evoluzione della situazione meteorologica e le sue possibili implicazioni sull’operatività dello scalo romano di Fiunicino. I voli in partenza domani mattina dall’aeroporto di Roma Fiumicino sono al momento previsti regolari. Eventuali ritardi sono tuttavia possibili qualora la diminuzione delle temperature nella notte renda necessarie attività di sghiacciamento degli aeromobili prima della partenza. Alitalia ha pianificato una riduzione limitata di voli, principalmente nei collegamenti con l’aeroporto di Milano Linate, contattando i passeggeri interessati e offrendo loro voli alternativi in orari concomitanti o comunque in giornata. Alcune cancellazioni potrebbero rendersi necessarie in giornata in caso di chiusura o limitazione di attività presso altri aeroporti.

Diletta Liberati

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Pingback: La neve fa scendere in metro anche la Ripa di Meana | Avanti

Lascia un commento