giovedì, 14 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La sfilata «ritorno alla purezza» di Valentino
Pubblicato il 06-02-2012


La sfilata-ritorno alla purezza di Valentino, avrebbe conquistato anche Paul Poiret: il sarto parigino che, tra il primo e il secondo decennio del Novecento, ispirandosi alla fluidità degli abiti del Direttorio, liberò le donne dalla tortura del corsetto. Priva di orpelli e di sovrastrutture – come Marie Antoinette che ai fasti barocchi di Versailles preferisce la sensualità bucolica e sognante del Trianon – preziosissima nella sua semplicità, la collezione è un inno alla naturale perfezione. Bastano un paio di pantaloni bianchi e una camicetta splendidamente ricamata o un abitino decorato a lavorazioni a nido d’ape, per essere impeccabili. La ridondante monumentalità stilistica? E’ un delitto! Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli, direttori artistici di Valentino, facendo leva sul raffinato sapore di un tempo lontano, propongono una moda velata da citazioni settecentesche – al tempo stesso, portabile e contemporanea – inserita in una dimensione eterea e paradisiaca dove l’innocente armonia è un leitmotiv di una lieve malizia.

Leggerezza, evanescenza, e luminosità sono argutamente coniugate tra i ricami a filo di cotone, tra i fiocchi di organza, sui mocassini di pizzo bianco a telaio, e sulle stampe delle lunghe gonne di taffetà, ispirate alle antiche tappezzerie delle dimore vittoriane. Diafana, piena di grazia, lontana dalla contemporanea femminilità sfrontatamente esibita, la ragazza di Valentino, fedele alle proporzioni e ai canoni della portabilità, viaggia con la fantasia attraverso un paese delle meraviglie affollato da abiti che sanno unire immagine e sostanza, riportando la couture all’antico e sommo splendore.

Martina Alice de Carli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento