martedì, 12 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Noia, catene e mi taglio le vene!
Pubblicato il 14-02-2012


Il ghiaccio ora ha pulito le strade,
i sanpietrini sono più secchi,
lucidi e spurgati.
I marciapiedi limpidi
e gli escrementi dei cani scongelati.

Giovani ripopolano i locali
ed i pedoni han ritrovato l’equilibrio.

Siamo tutti un pò più poveri,
ma possessori di catene da neve,
i tassisti han fatto tante corse
e gli spalatori di Alemanno
spalano oramai anche senza neve.

I ristoranti ritornano pieni,
i banconi reclamano nuove grappe
ed il latte torna agli scaffali.

La gioia della prima neve è passata,
e questa nuova imbiancata è stata accolta con sufficienza:
“bè, quest’evento già lo conosciamo!”

Ora è Grecia in fiamme,
Inter sconfitta dal Novara
e Whitney assassina di se stessa.
E poi la crisi,
la nuova udienza di Berlusconi,
il sottogretario che ruba ancora soldi,
e soprattutto Celentano a Sanremo:
che noia.

Tra poco arriverà il caldo,
e “che caldo”,
e probabilmente non sarà mai così caldo da oltre trent’anni.

Un nastro incantato,
inciso delle solite vecchie polemiche,
gossip inutili
e scarica barili.

Non ci resta che non guardarci Sanremo,
continuare a farci declassare da Moody’s,
e sperare che nevichi sempre più spesso!

Paco Cianci

Paco Cianci

Scrittore - InterRail: italiani prove di fuga!

More Posts

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ci vorrebbe un bell’atterraggio d’emergenza a Fiumicino, di quelli a lieto fine che tengono tutti col fiato sospeso, stile Airport. Possibile che co’ tutte ste compagnie non riescano a organizzarne uno?

Lascia un commento