lunedì, 11 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Via i Lusi dai partiti
Pubblicato il 06-02-2012


La Prima Repubblica è finita, la Seconda è affogata nella sua modestia e nella mancanza di passione e di ogni progetto politico. Questa classe dirigente ha strappato il futuro e le speranze a chi aveva confidato in un autentico cambiamento. Al sindaco di Capistrello e fratello del senatore, Antonio Lusi, che in un’intervista al Quotidiano nazionale di ieri aveva detto: “Via i Craxi del partito”, dico che bisognerebbe lasciarsi alle spalle il passato, perché i partiti devono autoriformarsi nel presente. 

Le ultime vicende giudiziarie dimostrano due cose: la prima, che di corruzione ce n’è oggi più di prima e coinvolge tutto il potere politico, visto che non c’è ancora una legge chiara sulla trasparenza nella gestione dei finanziamenti.  La seconda, che il Psi è l’unico partito, che nell’ultimo decennio, sia rimasto estraneo a qualsiasi vicenda di tipo giudiziario o da qualsiasi fatto di corruzione. Con un tredicesimo dei soldi pubblici che il senatore Lusi ha speso per i suoi affari personali, il Psi fa politica per un anno intero. Dunque alla stessa persona dico anche: Via i Lusi da tutti i partiti.

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Segretario Psi - viceministro dei Trasporti

More Posts - Website

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ci si domanda a che punto è degenarata la politica se si assiste all’incredibile vicenda di questo Tesoriere Luisi della Margherita “fiduciario” di Rutelli, che gestisce e fa sparire 13 Milioni di Euro (cioè la bellezza di 26 Miliardi di vecchie Lire). Emerge anche la singolare condotta di ex Segretari di Partito ed ex Ministri, che hanno permesso un tale tipo di gestione “personale”. Ci sono inoltre due elementi assurdi e paradossali:
    1)- Perchè si danno i rimborsi elettorali di importo notevolmente superiore a quanto speso?
    2). Perchè se il rimborso è correlato ad un importo per ogni elettore, vengono corrisposti soldi per i voti destinati ad altri Partiti che non hanno raggiunto la percentuale minima?
    Infine è semplicemente scandaloso che gli stessi Partiti che hanno promosso il referendum contro il finanziamento pubblico dei Partiti, hanno vergognasamente tradito il pronunciamento dei cittadini, preparando ed approvando una legge volta a finanziare in modo più corposo gli stessi Partiti.
    Poi si lamentano dell’antipolitica che sono proprio questi comportamenti ad alimentare, esponendo le istituzioni democratiche ad un pericolo di travolgimento della stessa democrazia.

  2. da vecchio socialista sono molto contento di ritrovare, anche se solo sul web, la gloriosa testata del partito socialista.con l’augurio della permanenza editoriale e di una crescita,che porti a ritrovare la cultura socialista in questo momento di desolazione non solamente politico.

  3. Ma non vi fate nausea da soli?Siete 9 redattori…vi siete inguattati dal 2004 al 2009 ….2,4 milioni di euro di finanziamenti pubblici all’editoria….per questo oscuro foglio di regime…gestito da un faccendiere che adesso è pure latitante….siete tornati a pubblicare online se no quest’anno vi saltavano..e non vi potevate esercitare le ganasce…e fate i fiori di giglio nel bosco della corruzione? Fedele Cocca mandami il tuo indirizzo di posta…8 a 1 che sei uno dei redattori…se non l’articolista stesso…che cerca di riempire il vuoto…il vuoto di idee, valori e consenso in cui i socialisti sono stati catapultati negli ultimi 30 anni

    • Daniele, prima di scrivere minkiate, occorre documentarsi e soprattutto non assumere allucinogeni. Perchè bisogna prima informarsi e dopo maturare le proprie opinioni senza pregiudizi. esattamente il contrario di quello che fai tu. Ma di cosa parli? Questo gionale on line non ha nulla a che vedere con quello a cui fai riferimento, non prende ( e non ha preso, per il semplce fatto che non esisteva) un soldo di finanziamento pubblico e non ha alcun legame con il faccendiere dui cui parli. La nausea la fai venire tu, ignorante! e quando parli dei socialisti pulisciti la bocca, patetico pseudomoralista!

  4. Egr. Sig. Daniele forse un maggiore approfondimento sull’argomento prima di scrivere ciò che ha scritto sarebbe stato opportuno.
    Spero che sia solo un sentimento contrario ai socialisti quello che lo ha portato a fare le affermazioni che ha fatto altrimenti Lei è proprio una persona difficile.

  5. Vincenzo da Desenzano.
    Sei davvero sconcertante,Daniele.
    Non ti accorgi di quante falsità in un slo articolo hai detto?
    Ti ricordo che al tempo di tangendopoli il partito Socialista era si dentro il sistema di corruzzione come tutti, ma era purtroppo diffuso a tutti i partiti dico tutti, dico questo non per giustificarci, ma per chiarezza e giustizia, perchè se ti sei accorto a pagare siamo stati solo i socialisti, mentre altri si sono scagliati contro di noi senza esitazione, per nascondere i propri scheletri.
    lo sai che i soldi della corruzzione prima l’incassavano le segreterie dei partiti, (che erano una decina) ed oggi li incassano le persone che sono centinaia di migliaia.
    Siccome sono una persona educata, non ti offendo, ma prima di dare un giudizio politico ti consiglio di non andare allo sbaraglio ma informati e non lasciarti informare da persone che hanno l’interesse a mantenere un popolo ignorante.
    Ti sei accorto che il vero problema oggi non è il patito Socialista, ma sono tutti quei sciacalli che si nascondono dietro la politica per delinquere.
    Ti sei accorto che alcuni camorristi o i mafiosi, sono stati e vengono salvati da alcuni partiti, informati!!!!!!. ma quali socialisti d’Egitto.
    Lo sai che i Socialisti dal 1994 ad oggi non hanno avuto neanche un parlamentare ne un senatore, e nonostante questo continuate a demonizzarli.
    Un consiglio se vuoi davvero fare una critica fallo sgombrando la mente dai pregiudizi stupidi.
    Senza racore ti rispetto come persona, ma le tue idee proprio no.

  6. Craxi era uno statista. Lusi è un faccendiere di Rutelli, quello che definì Craxi “un ladro”.
    Nonostante il processo politico cui venne sottoposto Craxi da Di Pietro e compagnia, nessuna prova potè essere raggiunta su ipotesi di arricchimento personale di Bettino Craxi (dichiarazione dell’allora procuratore D’Ambrosio).
    I finanziamenti che affluivano al PSI (irregolari al pari di quelli che affluivano al PCI) erano utilizzati per fare politica e non per esportarli in Tanzania o in altri paradisi.

  7. Abbaiare alla luna è facile, difficile è capire perché lo si faccia soprattutto se i latrati nascondono malanimo ( ricordo che il PSI ha pagato un prezzo davvero consistente per le note vicende della primigenia tangentopoli che per la cronaca risalgono ai primi anni ’90 del secolo scorso) o più semplicemente sciocca imitazione. Comunque, a scanso di qualsivoglia equivoco, rivendico il DIRITTO, ripeto i DIRITTO, di professarmi orgogliosamente socialista! In conclusione voglio gridarlo ai quattro venti : hip, hip hurrà all’AVANTI!Online.

Lascia un commento