mercoledì, 23 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

8 marzo: tanti auguri a tutti gli uomini!
Pubblicato il 08-03-2012


8 marzo festa della donna. Come ogni anno fiori e mimose. Quest’anno però vorrei io, quale donna, fare gli auguri a tutti gli uomini italiani. Uomini e donne non saranno mai uguali e sono proprio le differenze a rendere speciale ognuno di noi. L’errore più grande che hanno fatto le donne nella storia è stato proprio quello di voler diventare come gli uomini, di fatto alienando la distinzione, sottile ma fondamentale, tra uguaglianza e pari opportunità. Vorrei che in Italia si parlasse di più della malvagia abitudine della firma di dimissioni in bianco da tirare fuori in caso di gravidanza e meno di quote rosa; vorrei che di welfare si occupasse lo Stato e non le mogli; vorrei che le donne in politica somiglino a Emma Bonino e non a Nicole Minetti; vorrei che le donne sappiano farsi valere per i loro meriti e non per i loro abiti; vorrei che le donne smettessero di invidiare farfalle che fanno immaginare gli uomini e iniziassero ad invidiare chi, in maniera camaleontica, sa adeguarsi e razionalmente aiutare gli uomini a vivere la loro vita.
Vorrei che quest’anno fossero tutte le donne a fare gli auguri agli uomini affinché imparino a preferire le capacità al corpo, a includere anzichè ghettizzare, a crescere anzichè limitare e, soprattutto, affinchè ci aiutino a ricordare che non raggiungeremo mai l’utopia dell’uguaglianza, ma che insieme dobbiamo lottare per concretizzare la parità.

Claudia Bastianelli

Segr. nazionale Fgs - Bastian Contrario

More Posts

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Fino a quando ci sarà bisogno di sostenere la donna, in quanto categoria “debole”, con interventi politici, legislativi, sociali e quant’altro, come le “quote rosa”, leggi per l’imprenditoria e l’imprenditorialità femminile, una giornata all’anno a lei dedicata, come la “Festa della Donna”, con scempio di mimose, dobbiamo renderci conto che siamo ben lontane dall’avere un posto dignitoso nella società al pari di quello dell’uomo.
    Angioletta Massimino (PSI Fed. CT)

Lascia un commento