martedì, 22 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ai partiti servono regole più serie
Pubblicato il 13-03-2012


Scagli la prima pietra chi è in grado di garantire oggi in Campania come
nel resto del Paese, che il proprio partito non teme di essere inquinato
dalla criminalità. Le cronache recenti hanno confermato che esiste un
problema grave e diffuso di corruzione e di infiltrazione nei partiti e
per questo commetterebbe davvero un grave errore chi volesse utilizzare
strumentalmente i fatti di Castellammare di Stabia. Certo esistono livelli diversi di gravità del fenomeno, ma è evidente che tutti insieme dobbiamo ormai porre la questione all’ordine del giorno perché gli elettori
meritano di sapere che ci stiamo sforzando di risolvere il problema. Una
strada è certamente quella della riscoperta delle ragioni ideali fondanti
dei partiti che non possono essere scelti come il luogo dove si realizzano
i propri interessi più o meno trasparenti, ma contemporaneamente dobbiamo
imporci regole più serie per garantire democrazia interna e controlli sul
finanziamento pubblico.

Come socialisti abbiamo presentato un progetto di legge per obbligare i partiti a
rispettare le regole di trasparenza previste dalla Costituzione, compreso il controllo sulla gestione dei finanziamenti, tramite l’affidamento a una società esterna della revisione contabile. Intanto, in attesa della legge, invece di fare un corteo di protesta le forze politiche potrebbero  sottoscrivere un codice etico. E perché non cominciare proprio da
Castellammare di Stabia?

Marco Di Lello

Coordinatore Nazionale PSI

More Posts - Website

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento