domenica, 21 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Arriva il New iPad e la Apple di Tim Cook inaugura l’era del post PC
Pubblicato il 08-03-2012


La Apple di Steve Jobs ha indubbiamente cambiato il modo di vivere l’elettronica per molti di noi. Tim Cook si allinea e segue la scia del suo predecessore anche nello stile della presentazione, look minimalista compreso. E se fino ad ora l’iPad ha mirato a smaterializzare la generazione dei PC portatili, adesso il nuovo iPad punta direttamente alla televisione. E Cook sentenzia: “E’ l’era del post PC”. E’ durata un’ora e venti minuti la presentazione del nuovo prodigio di casa Apple. Retina display per video più nitidi e super velocità di connessione i suoi punti di forza. In Italia si dovrà aspettare fino al 23 marzo per provarlo.

CHIAMATELO NEW iPAD – Il nuovo oggetto del desiderio si chiama ‘New iPad’, non iPad 3 o iPad HD come molti si aspettavano alla vigilia. Le altre questioni su cui si interrogavano gli addetti ai lavori sono state svelate da un Tim Cook che non ha fatto rimpiangere lo stesso Steve Jobs che l’anno scorso presentò l’iPad 2. Ma prima di arrivare ad elencare le caratteristiche tecniche del nuovo prodotto, Cook cede alla buona retorica di chi sa di aver rivoluzionato definitivamente il mercato dell’elettronica digitale e della telefonia. «In Apple abbiamo prodotto tre magnifici apparecchi che segnano l’inizio di un’era post-pc», dice all’inizio del suo discorso.

INIZIA L’ERA POST- PC – «Ogni azienda sarebbe elettrizzata se solo avesse prodotto uno di questi tre apparecchi. L’iPad si è distinto per aver reinventato l’uso del computer in mobilità. Ormai siamo in un momento in cui il pc non è più al centro del mondo, ma solo un apparecchio come gli altri». E’ Cook stesso ad elencare gli ingredienti di questa nuova era post PC a marchio Apple. IOS, iCloud, App e Apple TV. Potenza del marketing e nomi ormai conosciuti a tutti, anche a coloro che non sono proprio del settore. E basta citare alcuni numeri per illustrare quanto l’azienda di Jobs abbia saputo imporsi in questi settori del mercato. Solo nel 2011 sono stati venduti 315 milioni di apparecchi con sistema operativo IOS. Gli utenti che hanno deciso di immagazzinare i loro dati su iCloud sono già 100 milioni. Qualche giorno fa è stata scaricata l’App numero 25 000 000 000 (avete letto proprio giusto!) è la Apple TV che costa solo 99 dollari e permette di avere sul proprio televisore HD la qualità in streaming della Apple che è ormai una realtà.

LE NOVITÁ – Scorre la scaletta della presentazione e arriva il momento del nuovo iPad. Sul palco arriva il vicepresidente per il marketing di prodotto Phil Schiller a snocciolare numeri che illustrano tutta la potenza del nuovo device Apple. Primo ha il retina display, risoluzione 2048×1536 per 3,1 milioni di pixel. Le dimensioni sono le stesse del predecessore ma con un dettaglio quattro volte maggiore. E’ stata migliorata anche la fotocamera sul retro. Ha un sensore retro-illuminato da 5 Mpixel, filtro IR, stabilizzatore d’immagine e ovviamente autofocus. Le indiscrezioni parlavano di un modello da 8 Mpixel. Gira video a 1080p con una resa dell’immagine superiore agli attuali televisori fullHD.

VELOCITÁ SENZA PRECEDENTI – La velocità di connessione è senza precedenti. Benvenuti allora nell’era del 4G. Un mondo dove si e’ sempre connessi e dove i file digitali possono essere scaricati e trasmessi con facilità. La connettività Lte da 73 Mbps funziona solo con i primi operatori telefonici che già la offrono: Verizon, Rogers, Bell, Telus and AT&T. In Italia però le nuove reti telefoniche 4G non sono ancora attive e si potrà navigare con una velocità di connessione di 3,5G, l’Hspa+ da 21 Mbps. Tutto questo gira su un processore A5X con grafica quad core. Le dimensioni sono le stesse dell’iPad2 con uno spessore di9,4 millimetri. Migliorata anche l’autonomia della batteria che potrebbe arrivare fino a 10 ore.

QUANTO COSTA – Apple segna ancora la strada introducendo alcuni nuovi elementi tecnologici che faranno nei prossimi anni da paradigmi per il settore. E poi ci sono quelli che in musica si chiamano ‘abbellimenti’ ad impreziosire ulteriormente il soggetto. Sicuramente la funzione di riconoscimento vocale con la possibilità di dettare testi e messaggi in varie lingue. Non in italiano, please. Poi iMovie e iPhoto che consentiranno agli utenti di creare rispettivamente filmati come si può fare sul Mac scaricando l’interfaccia al prezzo di 4.99 $ e di avere su iPad e iPhone la stessa galleria di foto, funzioni di editing comprese. I prezzi in America sono rimasti gli stessi dell’iPad 2, quindi da 484$ fino a 806$. Ancora non sono stati annunciati i prezzi per l’Italia. Diminuiranno di circa 100$ quelli dell’iPad2. Quando il sipario si chiude sulla presentazione risuonano ancora le parole di Cook in cui annuncia altre sorprese lato Apple per il 2012. Poi tutto il resto sarà ‘iCronaca’.

Marco Bennici

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento