lunedì, 18 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Bobo Craxi, il PD oggi cerca il suo spazio nel Socialismo Europeo
Pubblicato il 20-03-2012


C’è vento di cambiamento sullo scacchiere internazionale: la partita siriana è ancora aperta e in India è stata estesa la carcerazione preventiva ai due marò italiani. All’estero però c’è anche chi, come il leader Pd Pierluigi Bersani, cerca un istante di respiro dagli affanni politico-giudiziari che nel Bel Paese stanno rosicchiando via il suo partito. Una boccata di ossigeno che arriva da un riavvicinamento a sorpresa verso antichi alleati, in un momento molto particolare e critico per il centrosinistra italiano. A discutere di tutti questi temi con l’Avanti!online è l’onorevole Bobo Craxi, responsabile Esteri del Psi.

A Parigi, Bersani ha partecipato a una manifestazione con Francois Hollande, rappresentante di spicco del socialismo europeo. È un segnale importante.

Il fatto che il maggior partito dell’opposizione, che rappresenta la sinistra in Italia, sostenga un candidato socialista in Francia per una vittoria dei progressisti in Europa è un fatto positivo. Può anche apparire scontato, ma emerge sempre più con evidenza che esiste all’interno del Pd una tendenza ad un rapporto quasi organico con la famiglia del socialismo europeo.

In che senso “organico”?

Organico nel senso che la scelta del Pd è quella di far parte della fotografia del socialismo europeo, una scelta in contraddizione col brusco stop che impresse Veltroni alla nascita del partito. Se si fa largo questa tendenza, noi socialisti dobbiamo prenderne atto positivamente, perché apre delle contraddizioni all’interno del Pd.

Si riferisce all’area “cattolica”?

Sì, sono spaccature ormai evidenti e probabilmente insanabili.

C’è una scissione in vista?

È quello che auspico. Le separazioni sono sempre un atto di chiarezza e onestà. Tutta la politica italiana nella Seconda Repubblica si è barcamenata attorno a questi leader politici (e ideologici) che definire “fragili” sarebbe un eufemismo. Il potere è un collante, ma non può essere un collante eterno.

Quella di Bersani è stata una scelta coraggiosa?

Più che coraggiosa, direi che è stata una scelta obbligata nelle condizioni date dalla politica europea. L’europeizzazione dei sistemi politici implica la riduzione sostanziale dei campi della politica. In Italia, la volontà di ridurre il peso dei partiti nella politica non cancella tuttavia gli orientamenti che sono dati dalle identità, e l’identità socialista nel campo europeo è prevalente.

Quindici parlamentari del Pd, guidati da Beppe Fioroni, hanno contestato questa iniziativa, definendola un «clamoroso errore». Perché questa ala del Pd ha paura dei socialisti?

Perché quest’ala non nasce progressista né socialista, ma è invece figlia purissima delle tendenze sociali che esistevano nella Democrazia Cristiana e che oggi possono rivivere benissimo nel centro cattolico che si va formando.

La “Primavera araba” ha spazzato via regimi che duravano da decenni. C’è un Paese però che sembra essere immune da questo vento di cambiamento: la Siria.

Credo che si sia molto equivocato sulla “scossa tellurica” avvenuta nel mondo arabo. Ci sono stati sicuramente cambi di regime che hanno spinto verso una apertura democratica delle società. Il caso siriano però è peculiare: è una nazione fermamente nelle mani di una casta politica e militare, che ha tenuto il potere per oltre quarant’anni e che oggi è aggredita da segmenti della società non necessariamente democratici ma sicuramente maggioritari sul piano religioso.

Bashar al-Assad è destinato a cadere?

Non è ancora chiaro quale sarà lo sbocco della crisi, che non si risolve soltanto con la cacciata di al-Assad. La Siria si prepara ad attraversare un lungo periodo di instabilità ed una lunga guerra civile che avrà delle conseguenze su tutta l’area Mediorientale. Il numero delle vittime fino a qui registrate rende difficile, se non impossibile, uno sbocco pacifico della crisi. In Siria si gioca una partita abbastanza decisiva.

Talmente decisiva che ben due risoluzioni di condanna del Consiglio di Sicurezza dell’ONU sono state bloccate dal veto di Russia e Cina.

Ci sono evidenti debolezze sul piano internazionale. Non so fino a che punto potranno reggere i pesi attuali. Il conflitto si sta allargando, perché la Siria ormai è invasa da un flusso sempre crescente di profughi. Ed è chiaro che l’Onu non resterà a guardare ancora per molto tempo.

Situazione critica anche in India: è stata estesa per altri quindici giorni la carcerazione preventiva ai due marò italiani. Com’è stata gestita la crisi dal nostro governo?

Ci sono stati grossi ritardi di comunicazione e molti errori materiali. Diciamo anche un po’ di sfortuna. Siamo sicuramente di fronte a un precedente importante e grave, perché in India stanno calpestando le convenzioni internazionali. Bisogna attendere la fine delle elezioni in quella regione per capire se esiste un margine di negoziato diplomatico che prescinda da questo preciso momento storico della politica indiana. Mi auguro che si giunga a una conclusione ragionevole, cioè il giudizio di questi due militari italiani nel nostro Paese.

Raffaele d’Ettorre

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Bersani, “Vorrei ma, ancora non posso”. La questione per lui è da ricercare fuori dall’Italia per contaminarsi con la grande famiglia socialista, questo gli dà grande merito per l’avvicinamento al socialismo europeo. In Italia le cose sono molto diverse perchè all’interno del PD esistono forze centrifughe che lo condizionano. E’ su questo che deve basarsi l’atto di coraggio da parte di Bersani. Se le cose dovessero andare per questo verso si creerebbero i presupposti per la ricostruzione anche in Italia di una nuova stagione socialdemocratica liberale e su questi assunti funzionare da polo attrattivo per il vero riformismo ed una ricostruzione della sinistra oggi troppo frastagliata e mancante di un progetto ad ampio respiro quale potrebbe essere l’idea di un riformismo graduale e proiettato nel futuro.

  2. anch’io sono dubbioso su un cambiamento del PD: finché rimangono ancorati alla politica di un riformismo che serve a confermare e non a rinnovare , non c’è futuro su una scelta socialista di questo mini compromesso storico. Devono andare ad una scissione, ma non so quanto la vogliano i “capi”.

  3. Sono,al momento,un militante del PD,ma ammetto di guardare con Interesse e simpatia all’esperienza del PSI. Devo concordare con qualcuno di voi,dicendo che il PD è troppo timido e ambiguo su questioni quali la laicità e l’appartenenza alla famiglia socialista. Se dovesse tardare a manifestarsi una tendenza in senso socialista all’interno del partito,o se addirittura si andasse in una direzione “Veltroniana”,probabilmente non avrei più motivo di militare in tale compagine.

  4. Caro Francesco anche io dopo il 94′ mi sono iscritto al Pd ma dopo lo spostamento a destra impresso da Veltroni ne sono uscito e mi sono riavvicinato al Psi. Mi auguro che il cammino impresso da Bassani prosegua e che alle prossime elezioni il Partito Socialista possa finalmente riprendersi il posto che si merita nella politica italiana

  5. Alleluja!

    Il PD FORSE finalmente fa lenti passi verso il socialismo…già peccato che il PSI li faccia verso il centrismo…vero Nencini?

    Tanti lo pensano, pochi lo dicono, anche se in molti all’inizio appoggiavano il governo attuale perché sobrio rispetto a quel teatrino berlusconiano, in realtà questo è uno dei governi più antisociale che si ricordi.

    La riforma del lavoro sarà una creatura deforma, guai a fare patrimoniali vero? guai ad un pò di sana ridistribuzione eh? tsè ma che socialisti siete???

    Mah…mi tocca emigrare in Belgio o in Danimarca, almeno li ai disoccupati un reddito minimo dignitoso glielo danno.

    • Non emigrare!!
      Non sei l’unico socialista a pensar così .
      O il PD si avvicina al pensiero socialista, o noi socialisti chiediamo ai suoi elettori di votare PSI. Credemi c’è ne sono molti.

      Comunque l’avvenire dovrà guardare al socialismo

      Simone C.

  6. Sono un socialista che aveva aderito al P.D. e vi giuro che hanno paura di nominare la parola Socialista, ed è per questo che sono ritornato nella mia casa naturale il P.S.I.
    Io penso che ol P.D. è come la Democrazia cristiana e non sarà mai capace di aderire al partito Socialista Europeo.

  7. La politica di Bersani di avvicinarsi al Socialismo Europeo fa parte della solita politica del PD agganciare Hollande è una scelta furba, perchè se batte Sarkosy, Bersani cerca di essere un futuro interlocutore previlegiato in Europa.
    Dei socialisti, a lui e ai suoi compagni, interessa solo che portino dei voti candidando dei ns. compagni nelle liste del PD, vedi Nencini, Biscardini e tanti altri.
    Così facendo finge di dare spazio ma in realtà taglia le gambe al PSI.
    Se continuiamo a non presentare più il ns.partito alle elezioni per paura di non avere neanche un eletto, beh! ….pensateci anche voi al risultato finale
    Nino.

  8. bisogna avere coraggio di mettere i piedi nelle scarpe giuste, o quantomeno scarpe che fanno parte del tuo vestito , altrimenti è sempre aria fritta. Girovagare per 90 anni e non riconoscere la via, significa essere ottusi; oppure semplici opportunisti.

Lascia un commento