domenica, 21 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Doppio voto di preferenza uomo e donna
Pubblicato il 29-03-2012


 

Una delle maggiori responsabilità  del Porcellum è quella di aver spogliato gli elettori del potere di scegliersi i propri rappresentanti. La proposta in discussione non scioglie questo nodo. Noi proponiamo un doppio voto di preferenza obbligatorio, uno per il candito uomo, uno per la candidata donna, per garantire e favorire  la “parità di genere” nel parlamento italiano. I cittadini devono avere la possibilità di indicare, non solo da quale partito, ma da quale coalizione e quale candidato premier essere rappresentati, in un sistema che renda chiare maggioranza e opposizione, al momento del voto. Anche la “trinità laica” sbaglia: sciogliendo il vincolo di coalizione, i partiti potranno decidere all’indomani delle elezioni, chi governerà l’Italia. E questo non ci piace.

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Laserei perdere la complicazione del voto di genere. Con le preferenze tornerebbero a impennarsi i costi (oscuri) della politica. Un proporzionale senza sbarramenti non è accetto dalla triplice alleanza. Mi piacerebbe allora un uninominale a doppio turno.

  2. Non condivido il tuo pensiero Segretario. Perchè facendo così mi sembra di dover proteggere una spece in via di estinzione.
    Secondo, penso che dobbiamo puntare al proporzionale con preferenze. Per la coalizione… beh non mi sembra che lattuale legge abbia mantenuto i governi stabili, vedi Lega1° governo Berlusconi, vedi governo Prodi….

Lascia un commento