mercoledì, 26 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il ricordo di Bobo Craxi dell’amico cantautore bolognese
Pubblicato il 02-03-2012


Lucio Dalla è sempre stato sinonimo di Vita, è impossibile poter associare il suo nome e la sua persona alla sola idea stessa della morte che improvvisamente ha bussato alla sua porta. Vita a ripeterlo cento volte era lui nelle sue canzoni, ed anche se “il tempo passa e tu non sei mai la stessa la voglia che ho di te io non l’ho mai persa…”. Non aveva il presagio della morte, non gli faceva paura, ma la esorcizzava.

Un artista conclamato, poliedrico, geniale, una personalità fuori dagli schemi e quando era nel suo preferito un talento smisurato. E’ mancato come i musicisti nella città tempio del jazz, Montreux, si dirà sul campo di battaglia, è mancato in un altro dei tanti momenti fecondi e creativi della sua esistenza, felice perché stava nel nuovo tour europeo e perché era uscito indenne e celebrato dalla mezza avventura sanremese.

Ho la testa piena di ricordi di un’amicizia trentennale e non saprei quale sia il più importante e significativo. Era un uomo che ha condotto un’esistenza straordinaria e straordinario è il fatto che se ne sia andato all’improvviso, questo è quello che lascia attoniti i più. Le parole chiave per comprendere la sua persona e la sua produzione artistica restano Jazz, Bologna, Basket, Michelangelo, RCA, Tremiti e San Giovanni Rotondo, Milo e Berlino, potremmo andare oltre ad illustrare luoghi e temi cari a Lucio Dalla.

La vita che lo ha ispirato e che lo spingeva ogni giorno a fare qualcosa di nuovo e di diverso questa volta deve averlo tradito, uno scherzo avrà pensato. Uno scherzo stiamo pensando. Il fatto è che Lucio ha lasciato questa terra per incontrare qualcosa di nuovo. A noi non resta che il privilegio di avere ascoltato le sue canzoni, avere conosciuto il suo straordinario talento, avere saputo dare un significato più profondo alla Vita. Ed è quello che ci ha saputo insegnare Lucio.

Bobo Craxi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Se il riso e il pianto hanno ancora un senso nella vita di ogni giorno allora credo che questo sia il momento di piangere. Di fronte alla scomparsa di un grande artista, ma anche di un grande uomo, come Lucio Dalla le parole non bastano. Non si può reprimere la commozione per questa grande ed inaspettata perdita. Sono in sintonia con Bobo Craxi per le espressioni che ha usato nei confronti di Lucio Dalla. Voglio aggiungere qualche breve considerazione. Pur avendo cominciato la sua carriera nelle feste del PCI, ho assistito per la prima volta ad un suo concerto in occasione di una Festa dell’Unità a Nociglia (LE), piccolo comune di circa 2.000 abitanti, Dalla non è stato mai un artista organico e lo ha dimostrato sempre di più col passare del tempo. Nessuno perciò può appropriarsi politicamente di questo personaggio. Ma Dalla è stato però il cantore degli ultimi dei diseredati, dei disagiati, delle prostitute, dei carcerati e molti dei suoi capolavori hanno avuto come tema portante proprio la solitudine di queste persone più sfortunate degli altri, i più emarginati della società. La sua grandezza artistica è stata sconfinata. Musicista autodidatta, non conosceva nemmeno le note musicali, è stato proprio per questo immensamente geniale e fantasioso. Dotato di una vocalità stupenda riusciva a dare alle canzoni che interpretava, anche a quelle di altri autori o cantanti, un tocco di bellezza e di levità unico. Lucio non è stato semplicemente un cantautore o un musicista o un uomo di spettacolo. Lucio è stato tutto ed è stato tutto smisuratamente. La sua perdita ha commosso, come me, milioni di persone, come ci hanno commossi brani come Caruso. Il vuoto lasciato resterà incolmabile. Ma la sua presenza sarà garantita nei tempi dalle sue numerosissime e bellissime canzoni. Grazie Lucio.

  2. Si può essere soli in mezzo alla gente, oppure si può essere in mezzo alla gente anche nella più completa solitudine! Caro Lucio con la tua proposta artistica, sei decisamente riuscito ad amalgamare i due assunti!

  3. Senza la puzza sotto al naso, se ne andato un uomo semplice
    ma con un grande cuore, amava i poveri e stava anche con loro.
    Un esempio per tutti gli uomini.
    Ciao grande Lucio, resterai sempre con noi.

Lascia un commento