lunedì, 21 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Legge elettorale: condannati, puniti e premiati
Pubblicato il 06-03-2012


La riduzione a tre del sistema politico italiano è ormai in atto. Forse convertiti alla logica della dialettica hegeliana, il nuovo patto Cas-Al-Ber prevede una nuova legge elettorale triadica. Che (e giustamente) annullerebbe l’attuale bipolarismo all’italiana, bastardo e fallimentare. Ovvio che senza il ritorno alle identità storiche dell’Italia, tuttora presenti in tutta Europa, il bipolarismo italiano si esaurisce in un’assurda contrapposizione di coalizioni eterogenee e senza capacità di governare. Quindi in un danno all’italiana. Via per questo il premio di maggioranza, dunque. E che ogni partito si presenti da sè e che le coalizioni si facciano dopo le elezioni, rimettendo a un Monti bis il testimone d’un possibile nuovo governo, checchè ne pensino Bersani e la Rosy Bindi. Questi ultimi lavorano infatti per una legge che annulla le coalizioni e continuano a parlare di coalizioni. O non hanno capito o fingono di non capire. O Violante non risponde a loro (e nel Pd è ormai possibile tutto) o dicono cose alle quali non pensano neppure loro. Non è Palermo a seppellire la logica di Vasto, caro Letta, è il progetto della nuova legge elettorale.

Dico subito che a mio avviso la nuova legge si farà. E non penso tanto che si faccia perché così pretende il Paese, ma perché questo è l’interesse delle tre principali forze politiche (Pd, Pdl e Centro). Il Pd non pensa neppure lui che sia possibile governare l’Italia dopo Monti con un’alleanza composta da Sel e Di Pietro. Durerebbe una notte e sarebbe un incubo, travolta dalla crisi e della Tav. Per di più il Pd ha adesso un grande problema di unità interna. Gli servirebbe un disincentivo alla separazione. Di qui la balzana idea di ulteriore tripartizione: oltre a uno sbarramento al 5%, una penalizzazione per le forze dal 5 all’11% (dunque anche per Di Pietro e Sel) e un premio elettorale per le forze che superano l’11%.

Sembra fatta apposta anche per il Pdl (che teme la Lega e non può allearsi con essa) e oltretutto sa che nella logica delle coalizioni perderebbe le elezioni. E che dire del Centro di Casini-Fini e Rutelli. Oltre a vincere la partita sul piano politico (Casini è sempre stato un proporzionalista contrario al bipolarismo italiano) la legge imporrebbe alle tre formazioni di stare insieme, con grande sollievo di Rutelli, che viene sondato a meno dell’1%, e di Fini, che non supererebbe il 3-4%. Dunque arriverà la legge Cas-Al-Ber per il tripolarismo assoluto e poi il Monti bis? Probabile, a meno che la Lega, Sel, Di Pietro e i minori non si coalizzino in una dura guerra di religione. Che non dovrebbe essere fondata, però, sulla difesa d’un fallimentare bipolarismo (e questo è un tema che invece sta molto a cuore a Sel e a Di Pietro), ma sulla difesa della proporzionalità senza truffe. E la truffa-tris è davvero indigeribile.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento