martedì, 25 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Paese scandalo in Spagna: mantiene il nome del dittatore Franco
Pubblicato il 14-03-2012


A settantcinque anni dal colpo di stato, seppur stampato sul cartello che da’ il benvenuto nel Paese di Guadiana, Francisco Franco “El Caudillo de España” torna alla ribalta delle cronache. Il paese di Guadiana del Caudillo, provincia di Badajoz, in Estremadura, conserverà il suo nome dedicato al dittatore Francisco Franco, nonostante violi la legge di memoria storica. Legge voluta e approvata dai socialisti, sempre con il voto “en contra” dei Popolari oggi al governo. 

E’ quanto hanno deciso domenica in un referendum dagli abitanti del Comune. Sono 2.530 persone che continueranno a portare El Caudillo nei propri documenti. “Degli 817 che ieri si sono recati alle urne, ben 495 hanno votato a favore della conservazione del nome per esteso, Guardiana del Caudillo appunto, mentre altri 310 hanno votato per la sola denominazione di Guadiana, 4 nulli e 2 in bianco”: questo è quanto dichiarato dal sindaco Antonio Pozo del Partido Popular. Il partito è erede diretto di Alianza Popular  coalizione conservatrice e dichiaratamente post franchista, nata nel 1976 da Manuel Fraga ex ministro del governo di Francisco Franco.

La partecipazione al voto durante il referendum locale ha registrato un’affluenza eccezionale; dati alla mano, quella di domenica è stata superiore a quella delle ultime elezioni europee. I partiti di sinistra, PSOE e Izquierda Unida (Sinistra Unita), che potevano contare sull’appoggio esterno dell’Associazione per il recupero della memoria storica dell’Estremadura (ARMHEX), avevano fatto appello alla popolazione di disertare il referendum e a tutti coloro che si dichiaravano contrari al nome di Guadiana del Caudillo, considerando la denominazione illegale, perché in violazione di quanto disposto della legge sulla memoria storica.

La Legge della memoria storica, approvata nel 2007 dal primo governo Zapatero, ha permesso allo stato spagnolo di ristabilire un equilibrio, la normativa prevede la rimozione di tutti i monumenti e simboli del franchismo da piazze, strade ed edifici pubblici e di riconoscere il ruolo delle formazioni democratiche nella storia drammatica della guerra civile. Portando anche alla luce la pratica delle fosse comuni. Un aspetto dettagliato, approfondito, minuzioso della repressione franchista, programmato con feroce anticipo e portato avanti per decenni fino a raggiungere decine di migliaia di morti, numeri quelli delle fosse civili spagnole che oramai in molti definiscono come un vero genocidio.

Dal 1976 i parenti delle vittime hanno cercato in ogni modo di recuperare i resti dei caduti per mano della “repressione chirurgica” di Francisco Franco. L’esito del voto del referendum di domenica non può diventare un metro per misurare un nuovo rigurgito di fascismo, ma lascia comunque pensare che la situazione politica e del pensiero democratico spagnolo si stia scollando dalla storia democratica degli ultimi anni.

Sara Pasquot

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento