sabato, 22 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Roma “ladrona” risponde: «che fine ha fatto il cappio?»
Pubblicato il 08-03-2012


Il Pirellone cede, scricchiola, sembra la torre di Pisa. Il presidente del Consiglio regionale, Davide Boni, si è ritrovato ieri al centro di un’inchiesta che rischia oggi di diventare trasversale, coinvolgendo anche alcuni esponenti del Pdl e diversi imprenditori locali. I procuratori parlano di un sistema di tangenti Pdl-Lega Nord, basato esclusivamente sui rapporti fiduciari tra i politici del centrodestra lombardi e gli imprenditori rimasti invischiati nel fattaccio. Per il Carroccio invece si tratta di “attacco di Stato”. La Lega si difende come può, nascondendosi dietro un post che una militante leghista pubblica su Facebook («È un attacco a un uomo simbolo della Lega e al contempo alla Lega stessa. Davide Boni non si tocca, la Lega non si tocca»). Roberto Maroni, mentre invoca la faziosità della magistratura tutta, clicka “mi piace” sul post e per lui, probabilmente, la questione si chiude lì. I big della Lega si stringono forte nell’abbraccio virtuale a Boni e si arroccano, cauti. Quello che però né i “big” di via Bellerio né l’ex ministro Maroni sanno è che contemporaneamente c’è chi si sta muovendo per loro, anche se non necessariamente nel modo che i leghisti vorrebbero.

FUGA DAL PIRELLONE – Nel pomeriggio infatti Luca Gaffuri, capogruppo del Pd in Regione Lombardia, dopo una riunione fra i gruppi di opposizione, ha chiesto che si vada «al più presto al voto», invocando «subito le dimissioni di Boni». Al coro degli scontenti si associano subito Idv, Sel e Udc. Roberto Menia, coordinatore nazionale di Futuro e Libertà, non ha dubbi: «Le notizie che giungono da Milano e che i Pm descrivono come sistema tangentaro e corruttivo Pdl-lega – scrive in una nota – rafforzano in noi la convinzione di aver fatto bene a rompere per riaffermare i valori della legalità e del patriottismo repubblicano»Ieri la martellata di Angelino Alfano, segretario del Pdl, che ha dichiarato che il partito andrà alle amministrative senza la Lega. Oggi il fuggi-fuggi e domani, nella sede di via Bellerio, i vertici della Lega si incontreranno per discutere dell’inchiesta su Boni. Intanto gli inquirenti danno un prezzo al presunto “bottino” della Lega: la somma delle tangenti (date o promesse) ammonterebbe a circa un milione e seicentomila euro.

LO SCARICABARILE DI FORMIGONI – Il Pirellone oggi scotta, starne all’ombra non è più sicuro e tutti si allontanano, a turno. Secco il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni: «Boni chiarirà in termini molto precisi la sua estraneità oppure farà passi conseguenti». Insomma, se ne esce pulito “bene così”, altrimenti dovrà dimettersi, come già fecero gli ex-assessori Pier Gianni Prosperini, Franco Nicoli Cristiani e Massimo Ponzoni, indagati per corruzione in tempi non sospetti. Per i meno arguti, Formigoni cerca poi di essere più preciso: «In passato, quando qualcuno è stato accusato di aver arrecato danno alla Regione, è stato messo fuori gioco».

CHI NON RUBA IN COMPAGNIA… – Coinvolti nel domino innescato dal franare del Pirellone ci sarebbero anche diversi appartenenti al Pdl, più una decina di imprenditori, tra cui l’immobiliarista Luigi Zunino, che avrebbero chiesto un “rinforzino” ai politici per dare il via ai loro progetti edilizi, residenziali e commerciali. Inoltre, stando all’accusa, i vertici regionali della Lega erano a conoscenza dei versamenti illeciti. Soldi che, sempre secondo gli inquirenti, venivano poi riutilizzati dal Carroccio come finanziamenti elettorali. L’accusa ha le idee chiare anche sulla zona (o almeno, una delle zone) interessata dallo scandalo: si tratta di Cassano d’Adda, alle porte di Milano. A Cassano, tra il 2008 e il 2009, la Lega Nord avrebbe finanziato iniziative elettorali con parte delle tangenti incassate da imprenditori. Ma siamo solo all’inizio e come è presumibile pensare l’inchiesta e quindi anche la zona interessata dal giro di tangenti si allargheranno a macchia d’olio.

Raffaele d’Ettorre

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Hanno vissuto e prosperato con l’ immacolata camicia verde. Nessuno può dimenticare il cappio ostentato alla camera in disprezzo di Craxi e dei socialisti. Ora la camicia è macchiata, sporca ed è giusto che se ne vadano. E’ giunto il momento che gli italiani capiscano che non è mai esistita una rivoluzione verde e che sono stati ingannati dalle parole d’ordine e dall’arrogante e presunta superiorità. Il tempo è galantuomo. Noi siamo stati eroici ed abbiamo resistito per arrivare ad assistere a questa rovinosa caduta. Giancarlo Moschin

  2. Ho sentito un leghista dire che la Lega paga il fatto che ha approvato il DDL per la Responsabilità Civile dei Magistrati, il Craxiano che è in me ha avuto un sussulto! I Leghisti, cantano il Va’ pensiero, votano tali legge, se si mettono la Camicia Rossa e il Cappello da Garibaldino vuoi vedere che il Trota diventa figlio legittimo di Bettino più che di Bossi? Comunque veramente il tempo è galantuomo non era meglio un Partito Socialista capace di governare piuttosto che questi fanfaroni, di leghisti, pdiellini e predellini e piddini che non combinano niente da vent’anni? PSI risorgi dalle tue ceneri come l’Araba Fenice, c’è ancora molto da fare e soprattutto c’è una Europa solidale da Costruire!

  3. con la prima repubblica ha fatto fuori uno dei più grandi politici della storia italiana un grande socialista Bettino Craxi accusato di essere il più grande corrotto della storia repubblicana.Tutti i moralisti di quel tempo che fine hanno fatto con tutta questa corruzione dilagante che viene dalla ricca Lombardia.

  4. La Lega Nord di Umberto Bossi è quella che, per mano di Luca Leoni Orsenigo, il 16 marzo 1993 esibì nell’Aula di Montecitorio un cappio di corda robusta, da forca in piazza, per manifestare la necessità di fare pulizia di una classe politica corrotta.
    È la Lega Nord degli insulti e delle irrisioni alle istituzioni repubblicane, è la Lega Nord dei gesti volgari alla bandiera nazionale e all’inno di Mameli.
    È la stessa Lega Nord che nel Parlamento, al fianco di Berlusconi, ha sostenuto l’innocenza dell’onorevole Cosentino accusato di reati di camorra.
    È la stessa Lega Nord che ha votato tutte le leggi ad personam che hanno consentito a Berlusconi di schivare la giustizia italiana.
    Ma da gente del genere ci si potevano aspettare comportamenti virtuosi nelle concessioni per aree edificabili e nelle concessioni di permessi relativi ad immobili ed aree commerciali?
    E Boni, nella sua qualità di presidente del consiglio regionale della Lombardia, non avverte neppure la sensibilità di dimettersi.
    E il cattolicissimo Formigoni non viene sfiorato dal dubbio che oltre alla responsabilità penale, che è personale, vi è anche la responsabilità politica?

Lascia un commento