giovedì, 16 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scorsese e Di Caprio di nuovo insieme per ‘Wolf of Wall Street’
Pubblicato il 20-03-2012


Binomio che vince non si cambia, anche sul grande schermo. Dopo ‘Gangs of New York’, ‘The Aviator’, ‘The Departed’ e ‘Shutter Island’, il connubio tra l’ex eroe di Titanic e l’irriverente regista continua: Martin Scorsese dirigerà Leonardo Di Caprio in “Wolf of Wall Street”, la storia di uno dei broker americani più spregiudicati degli anni ’80: Jordan Belfort. Il film nella struttura sembra ricalcare lo schema tipico di altri lavori scorsesiani: la parabola morale, l’ascesa e la caduta di un uomo che a soli 26 anni era già miliardario. Belfart, infatti, è stato uno degli operatori di borsa più attivi e geniali della Wall Street anni ’80: dopo essere stato assunto come telefonista da una società di brokeraggio, resta contagiato dalla stessa ambizione che muove i giovani agenti di borsa di Wall Street e nel giro di pochi anni arriva a fondare una sua società, la “Stratton Oakmont”.

DROGA E SESSO DIPENDENTE – Il lusso eccessivo, l’abuso di droga, la dipendenza dal sesso e un’avidità spropositata lo porteranno alla rovina: coinvolto in affari per nulla puliti sarà arrestato con l’accusa di frode assicurativa e riciclaggio di denaro sporco. Il film vedrà il ciak iniziale verosimilmente per l’estate prossima e sarà finanziato dalla “Red Granite Pictures” che ha acquistato i diritti del libro di Belfort all’ultimo Festival di Cannes e sarà prodotto dallo stesso Scorsese in sinergia con Emma Tillinger Koskoff, Irwin Winkler e Alexandra Milchan. La sceneggiatura del film invece sarà di Terence Winter, già produttore esecutivo de “I Soprano” e “Boardwalk Empire”.

Nonostante fossero stati annunciati in precedenza altri due progetti, il thriller ‘The Snowman’ tratto dall’omonimo romanzo di Jo Nesbø e il drammatico ‘Silence’, dal romanzo di Shusaku Endo, sarà il tema caro a Oliver Stone a farla da padrona. Quindi il dubbio sorge spontaneo: riuscirà Scorsese a vincere la gara del botteghino con una trama che già ha visto Stone trionfare nel 1987 con “Wall Street”? Il paragone tra i due lavori sarà inevitabile, e il giudizio sarà affidato proprio a tutti quei appassionati del genere che ricordano ancora con viva esaltazione la performance di Michael Douglas (premio Oscar, Golden Globe e David di Donatello) nei panni di Gekko. Riuscirà Di Caprio a sorprenderci ancora una volta, riuscendo a superare il maestro Douglas? Staremo a vedere, in fin dei conti per dirla con Gekko, «Avidità!? Cosa c’è di male… dopotutto, è solo una questione di soldi».

Diletta Liberati

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento