martedì, 24 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Che musica ascoltano i campioni del calcio?
Pubblicato il 26-04-2012


Musica e calcio. Un binomio che solo in apparenza non trova legami. Ma se invece ci si domanda quale musica ascoltano i grandi campioni del pallone, oppure se una scelta azzeccata dei brani da ascoltare negli spogliatoi prima di scendere in campo favorisce una buona prestazione, beh allora le cose cambiano e di molto. A sentire i goleador più noti del panorama italiano non mancano le sorprese. Lo juventino Del Piero ama il pop internazionale di Robbie Williams e Ricky Martin, mentre in casa giallorossa Totti preferisce la melodia italiana come Baglioni e Celentano, imitato dall’udinese Di Natale e dal napoletano De Sanctis, al contrario del laziale Brocchi che adora il rap di Fabri Fibra.

DA DEL PIERO A TOTTI FINO A LAVEZZI – Ben diversi i gusti dei tanti campioni stranieri che giocano in Italia. I brasiliani sono legatissimi al samba, come il romanista Taddei e il milanista Robinho. Preferiscono la cumbia, invece, i sudamericani di lingua spagnola, tra cui il genoano Palacio, il palermitano Hernandez e i napoletani Lavezzi e Gargano. Sempre in casa Napoli, il bomber uruguaiano Cavani ama invece le musiche spirituali e melodiche. Ascoltano il reaggeton i sudamericani Armero, Isla e Pereira, tutti dell’Udinese, ma in molti hanno simpatia per l’hip hop, come il genoano Veloso e il palermitano Acquah. Legati alla terra d’origine i gusti musicali dei giocatori balcanici: il genoano Jankovic ascolta musiche da discoteca remixate su pezzi del regista serbo Emir Kusturica, mentre il palermitano Ilicic preferisce il compositore bosniaco Goran Bregovic.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento