domenica, 21 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Con il governo Monti quando non c’è il pane si mangino brioches
Pubblicato il 14-04-2012


Sembra di essere ritornati indietro nella storia di almeno due secoli. Ai tempi della prima rivoluzione francese. Siamo nel 1789. I nobili francesi, ai quali era proibito esercitare qualsiasi attività economica pena la perdita del titolo, assistevano alla progressiva erosione del loro potere d’acquisto per la costante riduzione delle rendite fondiarie, dovuta alla scarsa produttività dei loro latifondi. Le guerre, le carestie i raccolti andati a male avevano precipitato la Francia in una gravissima crisi. La nobiltà al potere ritenne pertanto che, al fine di mantenere il ruolo ed i privilegi di un tempo, fosse necessario aumentare il prelievo fiscale, ricominciando ad esigere anche vecchie tasse ormai in disuso. La pesante tassazione, che gravava soprattutto sul terzo stato e sul popolo, rispetto al clero e alla nobiltà, furono tuttavia incapaci di contrastare il deficit delle casse statali, facendo, al contrario, aumentare il debito pubblico. Ne conseguì una forte inflazione, che immiseri’ ulteriormente la popolazione francese.

 

LA LEGGEREZZA DI MARIA ANTONIETTA – L’inettitudine della classe dirigente francese del tempo, fu poi resa evidente da alcuni comportamenti dei nobili non proprio sobri. Ricordiamo tutti la leggerezza degli atteggiamenti di Maria Antonietta, regina di Francia, ben rappresentata dalla frase che avrebbe pronunciato riferendosi agli affamati sudditi francesi: “Se non hanno pane, che mangino brioche!”. Fu la rivoluzione! La monarchia e la classe dirigente del tempo venne spazzata via dalla rivolta popolare.

MONTI E LA RIVOLUZIONE ALLE PORTE – Bastano poche righe per rendere evidente il parallelismo con gli avvenimenti dei nostri giorni. Oggi ci troviamo davanti a una classe dirigente svilita, incapace di trovare soluzioni efficaci per guidare l’Italia fuori dalla crisi. Dinanzi alla propria manifesta inadeguatezza, chiama un Demiurgo, che per prima cosa taglia il reddito dei ceti più deboli e aumenta le tasse per mettere in sicurezza i conti pubblici. A pagare, come accade ormai di norma, sono sempre i soliti, cioè i cittadini con il reddito più basso. Tra essi i pensionati, che vedono ridotta e privata della rivalutazione la propria pensione. Più spettacolari che incisive le misure prese su evasione fiscale e riduzione della spesa pubblica. Siamo il Paese delle auto blu: da noi sono decine di migliaia, in Inghilterra poche centinaia. Siamo il Paese in cui al ristorante, dopo il pranzo, ti portano il pre-conto al posto dello scontrino fiscale. Siamo il Paese con un numero di automobili di lusso ben superiore al numero di coloro che dichiarano redditi congrui. Siamo il Paese in cui è dilagante la corruzione e la criminalita’ organizzata.

LIBERI TUTTI E SI SALVI CHI PUO’ – Di fronte a tali complesse, gravi e intricate problematiche, il Demiurgo decide che la cosa più urgente da fare, la strada maestra per attirare investimenti esteri e favorire la crescita sia quella di rendere i licenziamenti più facili. Come se in questo momento, invece che dare un indirizzo di lungimirante politica industriale e favorire l’occupazione e la produttività, si dicesse: liberi tutti e si salvi chi può. Tanto il mercato si autoregola. Abbiamo visto quale disastro tale credo abbia comportato nel mondo della finanza anglosassone e, a cascata, nel nostro Paese e nelle nostre case. Eppure anche il mercato crede poco alla politica del Demiurgo, tanto è vero che lo spread ha ripreso a salire e le borse crollano. Dalle parti di Palazzo Chigi ci si affretta a dichiarare che non c’è da allarmarsi, che il problema non e’ italiano o non è solo italiano. Ed ecco a breve distanza arrivare la bacchettata della Banca Centrale Europea: il problema di fondo della situazione italiana e’ la mancata crescita. La crisi economica miscelata al balbettio della classe dirigente che appare incapace di trovare soluzioni idonee rende la situazione particolarmente complicata.

MASSAGGI, LAUREE E VILLE CON VISTA SUL COLOSSEO – Quando alla carenza di ipotesi operative valide si associa anche un comportamento non proprio onesto della classe dirigente, come le recenti vicende che hanno coinvolto la Lega e la Margherita, la miscela può diventare esplosiva. Tanto a destra, quanto a sinistra assistiamo a ruberie diffuse. Soldi pubblici, raccolti con le tasse pagate dai cittadini onesti, vengono utilizzati come fonte per arricchimento personale e per fini privati: dubbie lauree, ville, appartamenti in centro vista Colosseo, benzina, massaggi e chi più ne ha più ne metta, tutto a spese dei cittadini. Milioni di cittadini manifestano il proprio dissenso verso la legge elettorale esistente e chiedono l’approvazione di una nuova, attraverso la raccolta di firme per indire un referendum? E nulla cambia.

GATTOPARDESCAMENTE – Un referendum abolisce il finanziamento pubblico dei partiti? E i parlamentari prendono per i fondelli i cittadini. Lo trasformano in rimborso elettorale, che nei fatti rimborso non è. Anzi, si tratta proprio di lauto finanziamento a fondo perduto e, come si scopre ora, per fini privati. E di fronte allo sconcerto e alla rabbia dell’opinione pubblica, i nostri raggiungono finalmente un difficile accordo per mettere fine allo scandalo. A questo punto uno si aspetterebbe quantomeno la decisione di restituire le somme eccedenti le spese realmente sostenute nelle campagne elettorali dai singoli partiti ancora esistenti o defunti. No, non e’ cosi’. Il difficile e sofferto accordo consiste nella maggiore trasparenza e nel controllo esterno dei bilanci dei Partiti. I nostri politici devono aver letto ed appreso bene la massima di Tomasi di Lampedusa: tutto deve cambiare, affinché nulla cambi. Carissimi, forse vi state illudendo che la filosofia gattopardesca valga in ogni tempo. Ma è bene fare attenzione. La storia insegna.

Alfonso Siano

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ogni crisi finanziaria deve sempre ricercare la via giusta per uscirne, anche quando è come la nostra recessiva. Indipendentemente dal governo Monti che per assunto ha durata limitata nel tempo, la politica ed in particolar modo la sinistra deve pensare ad una via d’uscita. Agli italiani e sempre i soliti noti, dopo le lacrime e sangue versati e che purtroppo dovranno ancora versare, occorre indic…are una strategia non una narrazione. Dalla sinistra ci aspettiamo che venga indicata un’idea, un progetto, al termine del quale deve finire questa lunga agonia economica, non solo, ma dobbiamo uscire, vista l’esperienza di 20 anni di governi inconsistenti che ci hanno portato a questo punto, costruendo una società nuova più giusta, più equa di quella in cui stiamo vivendo. L’equità e la crescita ci hanno promesso, ma ancora non si vede nè l’una nè l’altra, forse non sarà la panacea ma per equilibrare il sistema occore in Italia una forza come quella socialista che da sempre ed in ogni campo ha prodotto politica finalizzata al raggiungimento del fine più sopra riportato.

  2. Dopo il lungo periodo della seconda guerra mondiale l’Italia doveva ripartire da una situazione alquanto rovinosa. Il dopo guerra fu caratterizzato subito dal referendum per la scelta della Monarchia o Repubblica, gli italiani furono chiamati al voto ed il 2 giugno 1946 elessero coloro che avevano il compito di redigere la nostra Carta Costituzionale. Le sedute si svolsero dal 25 giugno 1946 in po…i. Certo erano anni difficili, ma si arrivò a dare un nuovo assetto all’Italia che è durato fino ai nostri giorni. Nel nostro tempo abbiamo assistito alla caduta della prima repubblica ed attualmente si parla della caduta della seconda repubblica. La situazione anche oggi è difficile per tutti i fatti che sono avvenuti anche in sfregio alla nostra Costituzione, il debito pubblico schizzato alle stelle, la crisi economica che ci attanaglia, la politica non più in grado di gestire la situazione e si affida ad un governo tecnico, la disoccupazione imperante e la recessione è ormai un dato di fatto. La corruzione politica è ormai un’escalation, i rimborsi elettorali ai partiti una presa in giro per gli italiani che hanno votato un referendum, l’evasione fiscale ha raggiunto limiti da spavento. In una situazione del genere i tentativi di riportare tutto alla normalità si scontra con le lobbies ormai sempre più agguerrite e corporativismi difficilmente intaccabili. L’unica soluzione, ormai da più parti sostenuta, sarebbe il ricorso ad una nuova Assemblea Costituente eletta a suffragio universale con il sistema proporzionale per avere in essa tutte le rappresentanze. Il compito dovrebbe essere ben preciso e cioè riformare la Costituzione limitatamente agli articoli in cui di fatto è già stata aggirata con espedienti che hanno assunto il valore della consuetudine. Nell’occasione l’Assemblea dovrebbe occuparsi poi di un nuovo sistema elettorale che ci avvicini ai sistemi europei, del numero dei parlamentari, (riducendoli a metà), delle loro remunerazioni e privilegi, delle funzioni delle camere per abbreviare i tempi di legiferazione. La nomina del Presidente del Consiglio, ormai stravolta, deve avere riscontro preciso nella nostra Carta. Rivedere tutte le Regioni, magari riducendole, che di fatto sono diventate parlamentini delocalizzati con un numero di politici esagerato e con stipendi simili ai parlamentari, compresi tutti i vitalizi. Affrontare una volta per tutte la questione della stortura del rimborso elettorale, vale a dire il mascherato finanziamento ai partiti, il finanziamento all’editoria e a tutte quelle imprese o enti che lo hanno istituzionalizzato. Dovrebbe occuparsi di tutte quelle questioni che sono diventate diritti acquisiti come le doppie e triple pensioni riportandole ad unicità e rivedendone i limiti, l’eliminazione degli Enti parassiti ed inutili che prevedono prebende per i Direttori Generali e consigli d’amministrazione. I costi della democrazia dovranno in ogni modo essere salvaguardati, ma di molto ridimensionati per riportarli alla media europea. Anche gli stipendi dei funzionari dello Stato e gli innumerevoli Direttori Generali hanno bisogno di un drastico ridimensionamento, infine liberalizzazioni fatte seriamente e riforme dei carrozzoni statali tipo RAI. In definitiva occorre riequilibrare un sistema Italia che ha la stortura insopportabile che quasi il 50% della sua ricchezza è appannaggio di solo il 10% degli italiani dovuto principalmente al liberismo sfrenato e nessun controllo dello Stato sulla finanza aggressiva. Con i risparmi prodotti e la lotta vera all’evasione fiscale, riportare il fisco ad essere meno invasivo senza togliere nulla al welfare anzi migliorandolo. Da non sottovalutare in ultima analisi, la questione della giustizia sia civile che penale ed avvicinarci ad una soluzione definitiva della pena per riportarla alla decenza di un popolo civile. Una giustizia che decida in tempi rapidi ed una certezza della pena sono le basi da cui partire per non lasciare in carcere i troppi in attesa di giudizio comprendendo nel sistema anche i reati finanziari. Le potenzialità della Magistratura ci sono tutte, ma occorre dare efficienza e celerità al sistema senza fare barricate tra i poteri dello Stato.5Lw

  3. L’ultimo atto dei rappresentanti dei partiti che sostengono il Governo è stato quello, due giorni fa, di decidere di non decidere nulla sulla modifica della legge per il finanziamento pubblico. Tutto resta come era , eccetto il controllo esterno sui bilanci. Si tratta dell’ultima presa in giro dei cittadini, che già si sono espressi nel passato contro il finanziamento pubblico alla politica e,nel presente,si dichiarano nella quasi totalità stufi dell’uso poco chiaro delle enormi somme erogate alle formazioni politiche. Mentre milioni di Italiani stringono la cinghia,i signori al potere trafficano con il nostro denaro preoccupati solo di difendere poltrone e privilegi. Non si chiede l’abolizione del finanziamento pubblico,ma il suo ridimensionamento e il controllo dell’uso che se ne fa,si. .Si può chiamare democrazia quella in cui i partiti sembrano diventati aziende commerciali,intese unicamente ad accumulare profitti ? Quella in cui la gerontocrazia al potere prende decisioni esattamente opposte a quelle richieste dai cittadini? O costoro vivono in un altro mondo? E nella loro paralizzante bolsaggine ( vedi anche l’arzigogolare intorno alla riforma della legge elettorale ) non riflettono mai sulla famosa frase di Cicerone: “ Quousque tandem Catilina abutere patientia nostra “?

  4. Ben fatto l’articolo di testa di Alfonso Siano e suggestivo e pertinente il suo accostamento tra i prodromi della Rivoluzione Francese e la situazione Italiana attuale, così come efficaci appaiono i commenti di Gianmario e Maurizio, ma in tutti questi interventi non scorgo traccia o cenno circa di una metastasi tutta italica che rende guasto e improduttivo l’intero sistema economico nazionale sia pubblico che privato : quella della tendenza radicatissima del tirare sempre a campare cercando di raccogliere il massimo risultato con il minimo sforzo possibile e con il minimo rischio.
    Una cattiva filosofia, questa, che ha distrutto a lungo andare , il senso del dovere e del merito, esaltando l’esercizio abusivo del protezionismo personale e corporativo e quello della raccomandazione corruttiva a tutti i livelli che ha dilagato anche e sopratutto in certe forze sociali e politiche della sinistra sia partitiche che sindacali, dove le parole “controlli” , “sanzioni” , “punizioni”,”licenziamenti” , sono state abolite da un pezzo dal vocabolario sociale come blasfeme e impronunciabili.
    Si vuole tentare di arrestare in qualche modo questo tumore maligno devastante?
    E allora talvolta occorre il bisturi là dove fin ora si sono usati solo pannicelli caldi e infusi di tisane.

  5. Un’osservazione aggiuntiva . Uno strumento mediatico di dibattito e divulgazione politica come questo interessante “Avanti! online” se vuole essere davvero efficace deve dare l’esempio dimostrando più attenzione e precisione anche nellepicccole cose : come ad esempio quella di correggere il tempo orario degli interventi adeguandoli all’ora legale in atto.

  6. Ancora un articolo del dott.Siano limpido, denso di problematiche, che coniuga mirabilmente “il parallelismo con gli avvenimenti dei nostri giorni” con i prodromi della Rivoluzione Francese.
    Un’analisi dettagliata della grave situazione economica-sociale in cui versa il nostro bel Paese, senza sconti per nessuno. Un riferimento sferzante ad una classe politica inetta.” Un referendum abolisce il finanziamento pubblico dei partiti? E i parlamentari prendono per i fondelli i cittadini. Lo trasformano in rimborso elettorale, che nei fatti rimborso non è.” Parole intense, ma chiare che tutti dovrebbero leggere.

Lascia un commento