martedì, 16 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Corsi e ricorsi della Moda: gli anni Venti sono cool
Pubblicato il 17-04-2012


Se la moda è corsi e ricorsi storici, è sapiente mix tra innovazione e sguardo al passato, è geniale intuizione delle future tendenze allora il film che ha trionfato alla notte degli Oscar lo scorso gennaio ci ha messo lo zampino nel rilanciare il ritorno degli Anni ’20. “The Artist”, ambientato nella Hollywood del cinema muto, ripropone un’eleganza tra pailette e chiffon. Il suo successo ha messo in evidenza le tendenze di quasi un secolo fa. E le grandi griffe ne hanno colto il segno. Il vintage torna ad essere cool. Basta dare un’occhiata alle passerelle di questi mesi e balza agli occhi il ritorno di modelli intramontabili, di abiti, di accessori e di gioielli rivisitati e riproposti. La moda ama addolcire un certo gusto retrò e curiosare nei negozi. I grandi stilisti si guardano indietro e fanno del passato una sorta garanzia di qualità.

DA CHANEL A SAINT LAURENT – Sono gli anni del proliferare dei grandi magazzini nelle capitali europee più chic, della moda per la prima volta alla portata di tutti tra nuovi tessuti sintetici, inventati in quei tempi, e abiti sempre più comodi, verrebbe da dire finalmente! I vestiti si accorciano e le scarpe si mostrano: lo stile di Yves Saint Laurent recupera il famoso modello T-bar, con doppio cinturino e tacco dal taglio retrò. Che sia di pelle color carne o rosa satin, se ritornano, se ne va il plateau. Inoltre lo stilista francese riveste la punta di metallo dorato, uno dei must per le appassionate. Anche Pucci riscopre la T-bar proponendola bicolore. Chanel, più degli altri, le innova: tacco in plexi e insoliti e innovativi accostamenti di materia tra pelle e tweed. Come ambivalente è la forma della scarpa che con una visione frontale ripropone il modello vintage, ma verso l’interno copre il piede completamente, mostrandosi come fosse uno stivaletto.

GLI ACCESSORI CHE CONTANO – Ritorna anche il cappello, accessorio irrinunciabile per chi apprezza questa tendenza. Tra il modello a cloche, tipicamente anni ’20, oppure, più adatto alla stagione estiva, il classico cappello di paglia con banda scura e tesa corta. Tra gli accessori sicuramente in evidenza ci sono anche le clutch. Qualsiasi forma abbiano passano dalla piccolissima, lucente e quadrata borsa gioiello di Stella Mc Cartney alla ben più capiente e sgargiante clutch gialla limone, con frange, di Marc Jacobs. Divertente e inusuale è anche la borsa proposta da Kate Spade, a forma di armadillo ma utilizzando, all’apparenza, gli stessi materiali dei vecchi cestini da pic-nic.

ANGELINA JOLIE – Dagli stessi anni i look. Come per la splendida Angiolina Jolie in “Changeling” (film di Eastwood del 2008), i capelli sono corti e ordinati, i rossetti sono scuri e sui toni che vanno dal bordeaux al prugna. Il viso è coperto dalla cipria e per gli occhi il grigio fumo e il marrone. Ottima la palette “Les Ombres Matelassées 51 Montaigne” di Chanel, che inaugura la nuova boutique in Avenue Montaigne. Un nero brillante, due tonalità di oro, una di khaki dorato e la brillantezza del color perla. Immancabile l’eye-liner: sempre di Chanel la collezione Limited edition Noir Obscure, ancora più misteriosa e affascinante. Tra rossetti neri e prugna e palettes che privilegiano tonalità scure di marroni, verdi e blu. Per quest’estate ci si aspetta quindi un bel tuffo negli anni ’20. Per  ritornare a essere delle moderne “flapper girls”, quelle splendide ragazze che, per prime in quegli anni, iniziarono ad ascoltare il jazz, a indossare gonne corte, a guidare le prime automobili oltre che a essere pioniere della moda.

Vittoria de Petra

 

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento