martedì, 22 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

E questa è cattiveria!
Pubblicato il 05-04-2012


 

Ladri postati, o postati come ladri. Mettetela come meglio vi aggrada, ma il polverone scatenato dalla Lega Nord per i fattacci connessi al tesoriere d’oro, che casualmente si chiama Belsito, non sono stati digeriti proprio da nessuno. Belsito, nomen omen? No. Sicuramente il cognome di detto leghista non rende giustizia ai giri poco chiari di soldi orchestrati dallo stesso, che dopo una carriera fulminante – da buttafuori ad autista fino a tesoriere della Lega Nord – non si è “sito” propriamente bene, anzi. Che il sito sia bello o brutto non ha importanza, piuttosto quello che conta è è che i siti più frequentati del reame web, i temuti social network,  non risparmiano proprio nessuno e meno che mai quando l’argomento del giorno è la politica fraudolenta.

FACEBOOK TRA LO SCANZONATO E L’INDIGNATO – Il social più frequentato dalla satira nazional popolare è ovviamente Facebook, che sforna post antileghisti a non finire. C’è chi la mette sul bucolico «IL COLMO DEL COLMO….non è il fatto che la lega…..seguisse il gregge!!!!!!!ma che investiva addirittura in affrica!!!!!!!LORO!!!!????? MA COME………Se fossi un sostenitore della lega oggi sarei in giro col lanciafiamme..pesce al carroccio!». C’è invece chi si improvvisa poeta, ma chiede aiuto per un deficit d’ispirazione: «Lega ladrona,la Lega…” … no, ‘spetta… allora vediamo… “Lega ladrona, la roma non perdona “… no, nemmeno cosí … scusate, chi mi aiuta??? Ma come era quella frase detta e ridetta, scritta e riscritta da quelli là che avevano tutto duro e che sguainavano le spade in nome dell’onestà????». E non manca il post emotivo, una reazione un po’ schizofrenica a tutto ciò? «Leggo sul Sole 24 che i Bossi denunceranno chi ha usato i soldi del partito (cioè dei contribuenti cioè i nostri) per risistemare la loro casa. Fa ridere, ma poi fa piangere». Altri post invece inneggiano all’antipolitica dei corrotti senza omissione di turpiloqui come quello di Giuseppe D’Agostino che condivide: «politici del cazzo siete tutti ladri dal primo all’ultimo.ma quello che fa + rabbia che non avette un minimo di dignità.se ne avreste almeno 1×100 matterese tuttii la testa nella merda x la vergogna…..ma voi non avete ne dignità ne vergogna..».

TWITTER E IL CINGUETTIO EROTICAL-LEGHISTA – Se Facebook si indigna Twitter non perdona e si parte con il cinguettio erotical- leghista: «Ci volevano far credere che “LA LEGA CE L’HADURO”, e invece erano solo rotoli di banconote nascosti nelle mutande». Bontà loro. C’è chi poi evoca il sempiterno materno come Antonio Santangelo che twitta: «Roma ladrona Lega mafiosa… I fiji so piezz’e core». Niente cambia davanti allo scandalo per Asino morto: «La Lega è un partito xenofobo, sciovinista, populista e antistorico. Se erano onesti, faceva qualche differenza ?». Roberto Cuillo analizza in modo micro e macrostorico il fattaccio: «La Lega rotola a valle…Berlusconi sul viale del tramonto…è l’89 italiano…».

MA CHE BEL-SITO – Il web si mobilita e la satira diventa soggettiva e condivisa. Non è sicuramente la prima volta per le piazze cibernetiche e non sarà l’ultima, ma sicuramente è la prima volta per Belsito. Il social, pensandoci… è davvero un bel- sito.

Diletta Liberati

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento