giovedì, 18 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Facebook acquista Instagram: postare una foto sarà tutta un’altra web-story
Pubblicato il 10-04-2012


Ritorno alle origini. Questo lo spirito del macroscopico investimento che la Facebook, a maggio finalmente S.p.A., si accinge a concludere. Infatti, il colosso partorito dalla mente geniale di Mark Zuckerberg nacque per la condivisione di foto a fruizione esclusiva degli studenti dell’Università di Harvard per poi man mano estendere l’utenza a tutto il mondo cibernetico. Ora, memore dello spirito iniziale, il social network più cliccato del mondo acquista Instagram per 1 miliardo di dollari, in quella che è la maggiore acquisizione mai realizzata dallo stesso social. Cosa cambierà? Con Instagram, Facebook si rafforzerà proprio nell’ambito delle foto online: Instagram, applicazione per la condivisione di immagini, è stata creata solo 2 anni fa ma già conta su 30 milioni di utenti registrati ed è una delle più popolari applicazioni sul sistema operativo iOS di Apple. La notorietà e la forte risposta in termini di utenza di tale applicazione è dovuta all’ampia gamma di effetti e filtri ai quali gli utenti possono ricorrere e, a differenza delle precedenti acquisizioni effettuate da Facebook, resterà indipendente e non sarà interamente integrata sul sito del social network.

COSA CAMBIA PER FB? VE LO DICE ZUCKERBERG – «Per anni ci siamo dedicati nel cercare di offrire la migliore esperienza possibile nella condivisione di foto con amici e con la famiglia. Ora – afferma l’amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg – saremo in grado di lavorare ancora a più stretto contatto con la squadra di Instagram per offrire la migliore esperienza possibile per la condivisione di foto dal cellulare». «Riteniamo fondamentale – ha continuato Zuckerberg – che Instagram sia connessa con altri servizi al di là di Facebook: manterremo la possibilità di non condividere le foto Instagrams su Facebook e la possibilità di postarle su altri social network», conclude Zuckerberg, precisando che «milioni di persone apprezzano Instagram e il nostro obiettivo è quello di diffondere ancora di più l’application».

LA CORSA AI BREVETTI – Secondo alcune indiscrezioni, Facebook aveva già mostrato il proprio interesse a Instagram all’inizio del 2011 ma era stata respinta, a quei tempi la Instagram aveva 5 dipendenti e meno di sette milioni di utenti, ora l’unione delle due tipologie di utenze ‘farà il botto’ in termini di affluenza. D’altronde, l’acquisizione di Facebook arriva nel giorno in cui Aol ha raggiunto un accordo con Microsoft per la vendita di 800 brevetti per 1,1 miliardi di dollari a conferma che la corsa ai brevetti dei colossi tecnologici, per rafforzare il proprio portafoglio e ridurre i rischi di azioni legali, è sempre più agguerrita. Guerre tra social a parte, sembra proprio che l’affare del secolo che Facebook si accinge a concludere sarà un vero ritorno alla base, con qualche effetto speciale in più.

Emanulele Giogli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento