giovedì, 24 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Matteo Salvini (Lega): a questo punto sono auspicabili le dimissioni di Rosy Mauro
Pubblicato il 10-04-2012


Alla vigilia del comizio della Lega Nord a Bergamo di questa sera, l’onorevole leghista Matteo Salvini, sentito in esclusiva dall’Avanti!online, ha rilasciato alcune anticipazioni sul futuro della Lega.

Cosa ci si deve aspettare dall’incontro di stasera?

Un mare di gente, la richiesta di far pulizia, di rispettare il calendario dei congressi e di impartire l’inizio dei lavori contro il governo Monti. Il problema, prima ancora della situazione in casa Lega, è la situazione economica in Italia: lo spread è tornato sopra il 400 e le aziende stanno chiudendo. Chiaramente affronteremo anche il problema del fare pulizia dentro il nostro partito. Chi ha sbagliato deve pagare e andarsene.

Qualcuno ha sbagliato più degli altri?

La figura del tesoriere e di chi era a lui vicino non sembrano certamente brillare.

Questa sera parlerà solo Maroni?

Non lo so, sono attualmente in viaggio verso Bergamo e non ho visto bene il calendario. Penso che sicuramente Maroni parlerà, l’importante però è quello che dirà.

Crede che Rosy Mauro annuncerà le dimissioni?

Direi che a questo punto sono auspicabili.

Come vede il futuro della Lega?

Il futuro della Lega è nei militanti, con mille sezioni aperte in tutto il Nord. Sono loro che detteranno tempi e modi.

E se decidessero di optare per un futuro con Maroni?

La Lega si regge sulle idee, i cognomi sono secondari.

Lei ha annunciato le dimissioni di Bossi in diretta su Radio Padania. Come si è sentito?

Male, perché Bossi si è dimesso senza colpa ed è stato lui a far iniziare tutto quanto. Una cosa la posso dire: continuerà lui a portare avanti la Lega. Il problema non è la carica, potrà anche non essere segretario, ma dietro la Lega ci sarà sempre lui.

Raffaele d’Ettorre

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento