venerdì, 21 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Mi sento sbocciare come un seme di porro
Pubblicato il 20-04-2012


Oggi sono tornata dalla psicologa, ero disperata. Sono due giorni che non parlo con mamma perché non mi vuole mandare a meditazione assieme alle mie amiche e pensa che lo Ananda Marga Yoga sia sufficiente per me. Ma io non ci sto. La mia psicologa mi conforta e mi fa sentire più sicura. Abbiamo parlato per quarantacinque minuti, i soliti ottanta euro, e a fine seduta ero impaziente di sentire cosa avesse questa volta da dirmi: «Troverai le risposte dentro di te », questo è stato il consiglio della settimana, e io mi sono sentita così consolata, lei sì che mi capisce.

Finalmente dopo quasi due anni di sedute anche i problemi con le mie amiche si stavano per risolvere e sono anche riuscita a levarmi quasi del tutto Lorenzo dalla testa, non sopportavo più di essere stata lasciata così su due piedi. Essere giovani oggi è terribile. E non saprei come affrontare tutto questo senza l’aiuto della mia psicologa e dei miei Xanax. A consigliarmela è stata la mamma. Anche lei è in terapia da oltre vent’anni e a quanto pare la mia specialista è una delle migliori nel campo di noi giovani un po’ confusi ai primi approcci con la maturità. Mi chiedo veramente come facciano tutti gli altri miei coetanei a sopportare tutta questa pressione nel crescere: i litigi con le amiche, i ragazzi, le sfuriate con mamma per i brutti voti.

Anche Micaela, la mia compagna del cuore da circa sei mesi, è entrata in terapia ultimamente, ma lei da un dottore più specifico e molto più professionale del mio: da quando è morta Pallina, la sua cagnetta da quando aveva dieci anni, non riesce più ad affrontare la vita e i problemi quotidiani come una volta. Spesso ha dei giramenti di testa e le sanguina il naso, poverina, ma sono sicura che presto le cose si metteranno a posto. Sicuramente da quando siamo diventate vegane il nostro equilibrio psico-fisico è molto migliorato, abbiamo eliminato i grassi inutili e i germogli di semi di porro sono diventati i nostri nuovi amici.

A scuola poi non ne parliamo, la classe è praticamente spaccata in due: noi ragazze normali da una parte, e poi quelle cesse sfigate dall´altra che un bacio non lo daranno manco se glielo regalano. Loro a sedici anni non sono mai state dal parrucchiere, non sono mai state a Londra (io almeno cento volte), la sera devono tornare a casa per l´ora di cena, passano la vita sui libri e a fare qualche sport del piffero. Ma che vita è? Anche se la odio il mio idolo è la mamma, e penso che prima cresco e divento come lei e meglio è. L’altro giorno, come ogni martedì, siamo state insieme dal parrucchiere, e lei mi ha ammesso per la prima volta di essere uscita un po’ di volte con il suo istruttore di shiatsu, io le ho chiesto che shiatsu faceva e lei mi ha detto cambogiano. Io lo sapevo!

Poi ho fatto finta di essere scioccata, così le ho fatto tenerezza e mi ha dato il permesso di farmi il terzo tatuaggio, averne un numero pari non porta bene. Scrivo queste poche parole perché sento il bisogno di trasmettere al mondo la mia felicità. Da grande penso proprio che diventerò una fotografa o una grande regista, tutti mi hanno sempre detto che ho un talento innato per le arti visive. Quest´estate la passerò tra Porto Ercole a casa di Micaela e Crans a casa di Giulia Ubalda Filippetti dell´Astice, e forse passerò un paio di settimane a fare del volontariato in Sardegna, pare che una rara specie di uccelli sia in estinzione. Anche se non mi ricordo come si chiamano, non potrei proprio accettarlo: poverini!

Paco Cianci

Scrittore - InterRail: italiani prove di fuga!

More Posts

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento