giovedì, 16 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Per il 25 tutti in strada, ma la destra dà forfait
Pubblicato il 25-04-2012


Migliaia di manifestanti, una siepe infinita di bandiere tricolore e arcobaleni, simbolo della pace, sventolati a grappoli. La Capitale si risveglia al ritmo dei cori festanti e orgogliosi del corteo organizzato dall’Associazione nazionale partigiani italiani (Anpi) per celebrare l’anniversario della Liberazione. La manifestazione è partita alle 10 di questa mattina dall’Arco di Travertino, vicino al Colosseo e arriverà, dopo aver percorso viale Aventino, a Porta San Paolo, luogo-simbolo della Resistenza romana. Il serpentone di manifestanti, che alla testa ha proprio il comitato regionale dell’Anpi, è variegatissimo: non mancano bandiere con falce e martello, vessilli dello Stato ebraico, striscioni di Sel e Pd.

ALESSANDRA, RESTO A CASA A FESTEGGIARE MIO NIPOTE – Mentre ogni tanto qualcuno grida “viva i partigiani”, a contornare il leit-motiv  “Bella ciao” c’è anche l’occasionale “Camerata al cimitero”. La tensione tra fazioni è genetica ma il riferimento più immediato è all’attacco polemico lanciato ieri dal deputato Pdl Alessandra Mussolini che, microfoni della Zanzara di Cruciani, ha polemizzato: «Il 25 Aprile? Non ho nulla da festeggiare. Domani è solo una giornata che spezza la settimana», ha contestato Mussolini, precisando che festeggerà piuttosto «San Marco, onomastico di mio nipote. C’è pure brutto tempo. È una giornata solita, di quelle che purtroppo ricorrono ogni anno». Sulle previsioni climatiche però c’è anche chi la pensa diversamente.

PIU’ BELLA LA GIORNATA SENZA GIANNI E RENATA – «Ci hanno appena comunicato che la presidente Polverini non interverrà al corteo per motivi istituzionali». L’annuncio è stato dato dal presidente dell’Anpi Roma, Vito Francesco Polcaro. «L’Anpi – dice Polcaro – ringrazia la presidente per il senso di responsabilità». Subito pronta la risposta al vetriolo di alcuni esponenti dei centri sociali presenti alla manifestazione: «La Polverini ha fatto bene a non venire – dicono alcuni partecipanti – non vogliamo fascisti al corteo e sul palco il 25 aprile. Se fosse venuta, sicuramente sarebbe stata contestata».

QUEST’ANNO NIENTE UOVA MARCE PER LA POLVERINI – E’ facile pensare che la Polverini tema che si ripeta la “calorosa” accoglienza riservatale lo scorso anno nella medesica occasione: i manifestanti, al suono delle sue parole commemorative e poco convincenti, cominciarono a  bersagliarla con uova marce.Intanto all’interno del corteo spuntano i primi cartelli polemici, sventagliati con forza da quanti ritengono che gli “illustri assenti” (tra i quali risulta anche il presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti) avrebbero fatto bene a non farsi vedere. «Senza Gianni e Renata è più bella la giornata» fa bella mostra di sé alla testa del corteo, da dove poi sono partiti anche slogan-insulto più che eloquenti all’indirizzo di Alemanno e Polverini.

NAPOLITANO, 25 APRILE NON DIVIDA – Il 25 aprile «è la festa di tutto il popolo e la nazione italiana. Nessuna ricaduta in visioni ristrette e divisive del passato, dopo lo sforzo paziente compiuto per superarle, è oggi ammissibile». È quanto ha dichiarato ieri il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al Quirinale, aprendo le celebrazioni per l’anniversario della Liberazione.

MONTI, RESISTENZA PILASTRO DELLA DEMOCRAZIA – Il primo ministro Monti, accompagnato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e dai due presidente delle Camere Schifani e Fini, ha visitato oggi il Museo storico della Liberazione di via Tasso, a Roma. A margine della visita, il premier ha promesso che «riusciremo a superare le difficoltà economiche e sociali se tutti, forze politiche, economiche, sociali e produttive, lavoreremo nell’interesse del Paese e del bene comune». La Resistenza è oggi per Monti il simbolo della sofferenza e di come il Paese sia già riuscito a rialzare la testa dopo periodi difficili. «La Resistenza – ha aggiunto il premier – è, con il Risorgimento, uno dei pilastri su cui sono fondate la nostra democrazia e nostra libertà, beni inalienabili dell’individuo. La visita di queste stanze è stata per me commovente: su queste pareti – conclude Monti – è testimoniata l’esperienza di chi ha sofferto per il Paese che ci richiama al fatto che il 25 Aprile è la Festa di Liberazione di tutti gli italiani».


Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento