giovedì, 16 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ponte del 25 aprile: solo l’8% in viaggio. Ma dove?
Pubblicato il 24-04-2012


Sarà la crisi economica, sarà che il tempo non promette nulla di buono, ma fatto sta che saranno veramente pochi gli italiani che si metteranno in viaggio per il tradizionale ponte del 25 aprile. Appena l’8,1% di italiani approfitteranno dell’opportunità offerta dal calendario, secondo quanto emerge da una indagine realizzata dall’Istituto ACS Marketing Solutions. Ma quanti saranno i vacanzieri mordi e fuggi del ponte che sta per arrivare? Circa 4,9 milioni gli italiani maggiorenni e minorenni, ovvero l’8,1% della popolazione, che pernotteranno almeno una notte fuori casa. Oltre 55 milioni saranno invece gli italiani che rimarranno a casa. Tra chi partirà, il 92% rimarrà in Italia pari a circa 4,5 milioni di persone, mentre un 7% andrà all’estero, pari a circa 324 mila persone, prediligendo nel 66% dei casi le grandi capitali europee.

DOVE IN VACANZA – Per chi sceglierà l’Italia il mare sarà la scelta privilegiata (48% delle preferenze), seguito dalla montagna al 21%, dalle località d’arte maggiori e minori che si attesteranno sul 19% della domanda, mentre le terme registreranno quasi il 4% e le località lacuali il 2%.

DOVE DORMIRE – L’albergo mantiene la testa della classifica con circa il 34% delle preferenze, seguito dalla casa di parenti o amici che sarà prescelta dal 20% degli italiani e dalla casa di proprietà che raccoglierà il 17% della domanda.

LA SPESA PER VACANZE – La spesa media pro-capite (comprensiva di trasporti, cibo, alloggio e divertimenti) si attesterà sui 326 Euro (317 Euro per chi resta in Italia e 455 euro per chi andrà all’estero), generando un giro d’affari pari a 1,6 miliardi di Euro per una durata media della vacanza che si attesterà sulle 2,8 notti. “Risultati complessivamente deludenti, che rappresentano, in modo lampante, l’ennesimo segnale – conclude Bocca – della gravità della situazione nella quale si trova l’economia mondiale in generale e quella italiana in particolare, per la quale auspichiamo a breve misure di rilancio da parte del Governo”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento