lunedì, 22 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Primo Maggio in salsa reggae con Mama Marjas
Pubblicato il 25-04-2012


Classe 1986, passione per il reggae e una notevole preparazione musicale. Mama Marjas è considerata una delle maggiori rappresentati della nuova scena reggae italiana e quest’anno calcherà il palcoscenico del concerto del Primo Maggio che avrà luogo, come da tradizione, a piazza San Giovanni a Roma. Non è il primo grande concerto della reginetta del reggae, che ha presenziato a vari festival internazionali, come il Rototom e il Gusto Dopa al Sole dove ha aperto il concerto di Sean Paul.

LEI? PUGLIESE DOC – Quest’anno la ritroveremo nello storico concertone che nel 2011 ha fatto il tutto esaurito nonostante nello stesso giorno si fosse svolta la cerimonia di beatificazione di papa Wojtila e tra i vari artisti ad esibirsi c’era stata anche la coppia Dalla – De Gregori. Insomma, la manifestazione musicale organizzata dai sindacati, che ogni anno attira nella città di Roma un pubblico vastissimo, fa parlare sempre più spesso di sé. E stavolta lo fa scommettendo sulla giovane pugliese Maria Germinario, in arte Mama Marja, pupilla della stessa regione che da sempre è culla dei più importanti gruppi reggae italiani. A soli 20 anni viene scoperta dai produttori dei One Love Hi Powa, e da quel momento entra nel circuito di produzione discografica, con il suo primo singolo Everytime.

UN PRIMO MAGGIO STILE DANCEHALL – Ma Mama Marjas ha anche una crew degna di rispetto: sul palco non salirà da sola, ma con la sua famiglia artistica, la Love University Family, composta dal suo dj e produttore, il salentino Don Ciccio, dalla collega Miss Mykela e dalla rock band Michelangelo Buonarroti. Lo spettacolo inoltre sarà una straordinaria esibizione tra musica e danze. Perché a trasmettere energia ci sarà anche la dancehall queen Alevanville. Il reggae di questa giovanissima artista è accattivante quanto la sua voce dal timbro forte, caldo e grave. È una melodia al femminile di una promettente artista, una delle poche credibili espressioni emergenti della black music italiana. Che canti in italiano, in inglese o in dialetto, Mama Marjas non si limita a cantare reggae: la sua musicalità le permette di spaziare tra melodie soul e R’n’B. Insomma il Primo Maggio di quest’anno si preannuncia più caldo del solito grazie al sound salentino che strizza l’occhio all’Africa di Mama Marjas.

Vittoria de Petra

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento