venerdì, 20 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Esclusiva – Nessun mistero, le ossa dentro la cripta di De Pedis fanno parte di un ossario dell’700 con dentro i resti di circa 200 persone
Pubblicato il 14-05-2012


A quanto apprende l’Avanti!online le altre ossa ritrovate all’interno della cripta della Chiesa della Santa Apollinare a Roma di fronte la tomba del boss della Magliana Enrico “Renatino” de Pedis apparterrebbero ad un ossario dell’700, al cui interno ci sarebbe i resti di circa 200 persone. 

Non ci sarebbero misteri quindi da chiarire al riguardo. Dopo aver accertato che dentro la bara del boss ci fossero proprio i suoi resti, era nata l’incognita riguardo ad un’indiscrezione legata al rinvenimento di altre ossa non appartenenti allo stesso de Pedis. Pare invece che su scelta della Procura, visto che all’interno della cripta vi era anche un ossario, si è voluto aprire lo stesso per verificarne il contenuto.

Per quanto riguarda il cadavere di “Renatino”, ad una prima analisi dell’anatomopatologa intervenuta sul posto, è stato facile risalire al de Pedis, sia grazie alle impronte digitali che al buono stato di conservazione del cadavere, che a distanza di anni dalla morte, aveva ancora i capelli e i peli sul petto.

 

Giampiero Marrazzo

@giamarrazzo

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookDiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento