giovedì, 24 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il Psoe, anche la Chiesa paghi l’IMU. Ma la CEE minaccia taglio fondi alla Caritas
Pubblicato il 28-05-2012


Primo comandamento del PSOE per i sindaci socialisti spagnoli. Censire gli immobili di proprietà della chiesa presenti sui propri territori comunali. Obiettivo del censimento? “Batter cassa” al Vaticano per il pagamento dell’IBI (impuesto bienes inmuebles), l’IMU spagnola, in un momento come l’attuale dove gli spagnoli sono chiamati a pagare più tasse. I socialisti sperano così di risanare le casse comunali tassando gli immobili di proprietà della Iglesia cattolica e di altre religioni non destinati al culto, come numerosissimi garage, appartamenti, alberghi e loft intestati alle parrocchie.

 

O L’IBI O IL CONCORDATO! – Una idea che nelle ultime settimane si è diffusa capillarmente nei comuni di tutto il territorio spagnolo, alcuni del Partido Popular come Leon, Zamora o Valladolid. «Abbiamo dato il via al censimento, per catalogare in modo chiaro e efficace quanti e quali tipi di immobili intestati alla Chiesa si trovano in Spagna, perché molti non sono destinati al culto e non si viola il Concordato con la richiesta di pagamento de l’IBI. Solo successivamente al giusto e “igualitario” pagamento, dichiara Gaspar Zarrias responsabile delle politiche territoriali del PSOE, potremmo poi discutere di rivedere il Concordato del 1979».

UNA BATTAGLIA TUTTA SOCIALISTA – Una mozione quella dei sindaci socialisti che segue la linea dettata dal leader Alfredo Perez Rubalcaba (e dalla sfidante Carme Chacon) nell’ultimo congresso di Febbraio, di rivedere il Concordato, che non solo influisce nelle politiche economiche e fiscali del Paese ma soprattutto in quelle educative. In queste ore non si contano i mea culpa socialisti per non essere intervenuti come oggi chiedono a gran voce nei confronti degli accordi con la Chiesa nel corso dei quasi otto anni di governo. E’ lo stesso Zarrias ha riconoscere l’errore, «E’ vero non l’abbiamo fatto quando potevamo farlo», anche Antonio Hernando responsabile delle politiche istituzionali e volto mediatico del PSOE post Zapatero «Sappiamo che abbiamo deluso molti nostri elettori, mantenere i privilegi della Chiesa nelle passate legislature è stato uno sgarbo nei confronti dei socialisti, adesso rivedere gli accordi sarà un lavoro molto complicato con il PP al potere governando con maggioranza assoluta e con i responsabili di governo non intenzionati ad affrontare l’argomento».

LA CEE MINACCIA TAGLIO FONDI A CARITAS CHE S’INALBERA – Non sono mancate le risposte alla proposta socialista, primo fra tutti l’onnipresente presidente della Conferenza Episcopale Spagnola, che convocando un incontro con la stampa nell’oratorio San Flippo Neri di Cadice ha affermato «Se la Chiesa dovesse pagare le tasse sui propri immobili saremmo costretti a ridurre la generosa attività di Caritas in Spagna e nelle missioni all’estero». Parole forti quelle di Rouco Varela, e come si legge sul sito di Cadena Ser per nulla coerenti alla realtà, perché la Cee non destina nessuna parte del proprio bilancio a Caritas, salvo una donazione iniziata nel 2008 in concomitanza con la crisi economica. Donazione che deriva dal fondo interdiocesano destinato alle parrocchie». Il PSOE non ha esitato a rispondere a quello che sembra un ricatto di Rouco Varela, «Sono le tasse che tutte le cittadine e tutti i cittadini spagnoli attraverso i comuni, le regioni e le amministrazioni centrali permettono alla Caritas di compiere il magnifico lavoro che esercita, non di certo la Chiesa». Amen.

Sara Pasquot

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento