giovedì, 17 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

L’Aquila al secondo turno, Cialente (Pd)
Pubblicato il 08-05-2012


Con otto candidati in campo, il ballottaggio era inevitabile». Quando ormai sono state scrutinate 19mila 700 schede su 44 mila, Massimo Cialente rompe gli indugi. Il sindaco uscente dell’Aquila in corsa per la riconferma a primo cittadino del capoluogo abruzzese non aveva riposto molte speranze in una vittoria al primo turno.  Forte dell’appoggio di Pd, Socialisti riformisti, Api, Federazione della sinistra e Sel, Cialente dovrà vedersela con Giorgio De Matteis, sostenuto da Mpa, Udc, Verdi e Udeur. «Sono stabile al 42%» ha detto all’Avanti!online, «mentre De Matteis è a quota 30, seguito dal candidato del Pdl, Pierluigi Properzi all’8».

L’Idv con Angelo Mancini, invece, si piazza per ora al 6%. Secondo l’analisi dell’esponente democratico, seguono poi Vincenzo Vittorini con la lista civica ‘L’Aquila che vogliamo’ e Ettore Di Cesare sostenuto dalle liste ‘In Comune’ e ‘Cambia musica’ che «si attestano sul 5%» e Enrico Verini per Fli. Dal comitato elettorale di viale della Croce Rossa dove sta seguendo lo spoglio insieme alla moglie e agli amici, Cialente, infine, non dimostra preoccupazione per la candidata del Movimento 5 stelle, Enza Blundo: «Per ora è fermo all’1,4», ha sottolineato.

Nel 2007 lei vinse le elezioni al primo turno. Quanto hanno pesato le difficoltà della ricostruzione post terremoto in questa tornata elettorale?

Moltissimo. E le otto candidature sono la riprova della forte frammentazione che si è creata qui da noi. Non dimentichi che siamo stati commissariati. Per fortuna adesso il governo manderà via il commissario. E questa è una battaglia che abbiamo vinto.

Pensa che il sostegno nei suoi confronti sia in calo?

Il voto è rimasto quello del 2007, se consideriamo che l’Idv allora stava con me così come una parte della sinistra che è confluita nella lista di Di Cesare. Anzi, le dirò di più.

Cosa?

Il centrosinistra rispetto al centrodestra, che arriva a circa il 38%, ne esce rafforzato.

Quanto è stato determinante l’apporto dei socialisti riformisti al suo fianco?

E’ stato importante come nei cinque anni appena trascorsi al governo della città durante i quali sono stati sempre presenti.

Se i ballottaggi la riconfermassero sindaco dell’Aquila, pensa  a un ruolo chiave per il partito di Nencini nella sua squadra di governo?

Hanno già avuto un ruolo nella giunta che ho guidato, con l’assessore alle Attività produttive e, sicuramente, ce l’avrebbero nel caso di una mia vittoria.

Nel cartello delle forze che l’hanno sostenuta fino a ora, quella dell’Idv, però, è stata un’assenza di peso.

E’ evidente che se l’Italia dei valori fosse stata al mio fianco avrei vinto al primo turno.

Come si regolerà nei prossimi 15 giorni? Ha intenzione di incontrare gli esponenti del partito di Di Pietro?

Invocherò il sostegno di tutti i cittadini. Ma, incontrerò certamente anche l’Idv.

Pure nella sua città si è affacciato il Movimento 5 stelle. Come valuta il fenomeno Grillo?

All’Aquila non si è dimostrato incisivo, ma sul piano nazionale è un fatto preoccupante. E’ una forma di populismo che non fa bene alla politica.

Un nettissimo rafforzamento del Pd e del centrosinistra, uno tsunami nel centrodestra e un’avanzata di Grillo: è questa l’analisi fatta dal suo segretario Pierluigi Bersani. La condivide?

Sono perfettamente d’accordo con lui. Non c’è altro da aggiungere. Il centrosinistra, infatti, ha dimostrato di reggere. La vera crisi, invece, si è registrata nel Pdl che da questa tornata elettorale è uscito letteralmente spappolato.

I dati sull’astensione degli aquilani, infine, la preoccupano?

Si registra un’affluenza del 72% rispetto al 75% del 2007. Direi che i dati sull’astensione sono abbastanza contenuti se consideriamo la situazione difficile che stanno vivendo i miei cittadini.

Quale sarà il suo primo atto da sindaco, se verrà riconfermato alla guida della città?

Partirò di corsa con la ricostruzione e comincerò ad affidare i cantieri nel centro storico.

Paola Alagia

 

* fonte dati Ministero dell’Interno, aggiornati alle ore 23 del 7 maggio

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento