sabato, 19 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Roma capitale del rock internazionale con Radiohead, Cure, Beach Boys, Portished e Afghan Whigs
Pubblicato il 09-05-2012


Si rinnova l’appuntamento con il Rock e Roma torna ad accogliere il festival che da anni richiama star della musica mondiale e fan da tutta Europa. A partire dal 7 giugno l’Ippodromo delle Capannelle si riempirà di ospiti e show imperdibili per gli amanti della buona musica. Il primo evento da non perdere del Rock in Roma festival è il concerto dei Radiohead. Il 30 giungo la band di Thom Yorke si esibirà in uno spettacolo attesissimo e già sold-out, soprattutto perché rappresenta la prima data del tour europeo, e una della quattro in Italia dello storico gruppo che ormai festeggia i 27 anni. I progetti solisti dei quattro membri dei Radiohead, sporadiche e numerose collaborazioni, apparizioni o album collezionati nel tempo, non hanno mai leso l’immagine del gruppo che, con soli 8 album incisi dal 1993 ad oggi, ha venduto circa 25 milioni di dischi in tutto il mondo.

DAI CURE AI BEACH BOYS – Un’altra formazione storica che ha tutte le ragioni per festeggiare sul palco delle Capannelle di Roma, è la band dei Cure, che celebra i 33 anni del loro primo disco e 20 da quello che ha segnato la maturità e il loro picco di lirismo Wish. Il compleanno è soprattutto una buona occasione offerta ai fan per riascoltare dal vivo, il 9 luglio, una delle band protagoniste degli anni ’80, magari tornando a casa a fine concerto canticchiando l’intramontabile Lullaby. Ma per un pubblico che ama i classici intramontabili, saranno imperdibili altri due appuntamenti: il 10 luglio Roma accoglierà Ray Manzareck e Robby Krieger dei Door che renderanno omaggio ai successi ottenuti dalla band di Jim Morrison nel periodo in cui Light My Fire non era solo una canzone, ma un vero e proprio inno alla libertà e spensieratezza. Allo stesso modo, sempre per i nostalgici, imperdibile l’appuntamento del 26 luglio con i Beach Boys, riunitisi dopo tempo immemore.

AFTERHOURS, AFGHAN WHIGS E PORTISHEAD – A segnare i 27 concerti organizzati per il festival 2012 ci sono soprattutto gruppi e artisti internazionali, come ci tiene a sottolineare il direttore artistico Sergio Giuliani, insieme a Maximiliano Bucci: «Questo non è un festival cittadino, ma europeo, unico per durata e importanza degli artisti». In effetti la manifestazione durerà più di un mese. La serata inaugurale è prevista per il 7 giugno con l’esibizione doppia di Afterhours + Afghan Whigs, seguita da tre serate consecutive che vedranno il ritorno degli Incubus, il latin rap dei Cipress Hill e i re del Bristol sound: i Portishead.

SNOOP DOG, SUBSONICA, ELIO E CAPAREZZA – Quest’anno, poi, ce n’è proprio per tutti i gusti: una novità è quella rappresentata dalle esibizioni electro-progressive house del canadese Deadmau5 (2 luglio) e del duo electro francese dei Justice (8 luglio), poco affini all’ambiente rock ma di gran successo. Per gli amanti del rap il 3 luglio sarà ospite Snoop Dogg un dei cantanti hip-hop più curiosi. È un rapper anche uno degli artisti italiani di quest’anno, J-Ax. Dei suoi colleghi connazionali ci sono da ricordare le date del 20 luglio, con il concerto di Caparezza, del 23 luglio di Elio e Le Storie Tese, e del 25 dei Subsonica. Insomma, appena l’estate prende piede la musica e la compagnia del Rock in Roma festival la seguono a ruota con i suoi sound elettrizzanti e coinvolgenti a refrigerare e intrattenere le serate estive nel caldo luglio romano.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento