lunedì, 18 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ségolène Royal rivendica il suo status di donna della politica
Pubblicato il 31-05-2012


Basta con il gossip! Ségolène Royal rivendica una volta per tutte il suo diritto ad essere considerata come donna di rilievo – e socialista – della politica, e non soltanto come ex moglie del neo presidente Francois Hollande. La giornalista Valérie Trierweiler dal 2006 ha scalzato Ségolène Royal, donna della politica, dal cuore di Hollande: è stato senza dubbio questo uno degli argomenti più chiacchierati dalla stampa francese e internazionale durante la campagna elettorale del président normal. E così, portamento, acconciature e carriere a confronto, insieme ai rumors sulla rivalità al femminile tra la Royal e la Trierweiler, sono stati argomenti appetitosi per stampa e televisioni in questi ultimi mesi.

L’IRA DELLA ROYAL- Ieri mattina però durante un’intervista andata in onda su Canal Plus l’ira della Royal è esplosa: commentando il dossier che il noto settimanale francese Elle le ha dedicato lo scorso 25 maggio ed intitolato fastidiosamente “Première dame contro prima donna”, la Royal ha affermato ancora una volta di non voler più far parte di questo parallelo mediatico al quale è sottoposta ormai da anni. «Non faccia pubblicità a quel giornale che cerca di costruire una commedia da boulevard con uno psicanalista da due euro. A un uomo non direbbero mai questo», è stato il commento della Royal alla giornalista che le citava l’articolo di Elle. La donna di punta del partito socialisto ha definito il settimanale come «pronto a vendere la notizia a qualsiasi condizione».

CONTRO LA PSICO ANALISI DELLA COPPIA ROYAL TRIERWEILER- L’irritazione della Royal era indirizzata nello specifico verso l’infelice scelta editoriale del settimanale Elle che ha pensato di voler rappresentare stati d’animo e sensazioni emotive delle due donne, con l’aiuto dell’esperto di turno: lo psicanalista francese Juan David Nasio. Lui avrebbe elaborato una sottile analisi circa la vicenda del triangolo Royal-Hollande-Trierweiler: si sarebbe trattato di gelosia. «E’ una costante: in tutte le coppie che vedo, è inevitabile che la nuova compagna sia allergica alla prcedente! Abbiamo in questo caso una situazione di gelosia ordinaria attorno a un uomo ordinario».

LO SFOGO SU TWEETER- E quando la giornalista di Canal Plus ha insistito sulla vicenda del settimanale francese, la Royal ha ribadito energicamente: «Non è un argomento. Sono una responsabile politica ed esigo che gli argomenti che mi vengono presentati siano all’altezza del mio impegno nella vita politica che dura da 25 anni», mettendo un punto a queste chiacchiere da salotto televisivo. La reazione dell’ex-candidata alle presidenziali francesi alla pubblicazione del dossier della scorsa settimana non era tardata ad arrivare, e su Tweeter la donna aveva tuonato: #Palma del sessimo al giornale Elle. Pettegolezzi e luoghi comuni, intrusione volgare e adescatrice in piena campagna per le politiche.

UNA BRILLANTE CARRIERA POLITICA – Quella della donna al momento più chiacchierata del panorama politico francese non sembra una richiesta così pretenziosa: essere riconosciuta come donna della politica e non come ex donna di Hollande, scalzata dalla Trierweiler. Due lauree, una in scienze economiche all’Università di Nancy II e una a Sciences Po, una candidatura alle presidenziali del 2007 e una alla segreteria del Partito Socialista nel 2008, una presidenza al consiglio della regione di Poitou-Charentes: gli argomenti politici di cui parlare ci sono eccome. Ed è arrivato il momento che la prima donna della storia francese a superare il primo turno alle presidenziali chieda di finirla con i pettegolezzi.

Benedetta Michelangeli

Angela Merkel Angelino Alfano bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento