giovedì, 21 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Spagna, in Andalusia il Psoe va al congresso: chaconisti o rubalcabiani?
Pubblicato il 22-05-2012


Lo slancio e “a reconquista” del PSOE nazionale passa dalla terra che la riconquista storica l’ha vissuta davvero, l’Andalusia, e dal prossimo congresso regionale socialista. La regione più popolosa di tutta la Spagna, socialista da sempre, si sta convertendo nello scenario scelto da Alfredo Perez Rubalcaba e Carme Chacon per una nuova sfida. Chaconisti e Rubalcabiani si troveranno di nuovo coinvolti in un testa a testa questa volta per portare alle vittoria i propri candidati nei congressi provinciali socialisti, che in un mese dovranno rinnovare o confermare i propri leader locali.

CONGRESILLOS AL VOTO – L’investitura di José Antonio Griñan come presidente della comunità autonoma andalusa, la seconda consecutiva questa volta raggiunta grazie all’accordo dei socialisti del PSOE con Sinisitra Unita (IU), ha innescato una nuova vivace ribellione nelle file delle federazioni socialiste provinciali in vista dei “congresillos” per la scelta dei prossimi leader provinciali. Appuntamenti per i quali i seguaci di Rubalcaba e Chacon stanno già affilando le sciabole riposte nei foderi non più di due mesi fa.

OBIETTIVO: CONQUISTARE L’ANDALUSIA – Nessuno vuole lasciarsi scappare questa opportunità per aggiudicarsi il potere in una regione, l’Andalusia, che si è difesa dalla marea azzura del PP che ha scolorito la mappa rossa della Spagna. Per questo motivo, tanto il settore vicino al segretario del PSOE Rubalcaba, come i militanti appartenenti alla corrente dell’ex ministra delle difesa Carme Chacon, stanno presentando le candidature ai congressi provinciali. Cordoba, Siviglia, Malaga, Cadice, la provincia della Capitale Siviglia o Almeria sono esempi delle province dove le due correnti sono presenti, rappresentate da un candidato “rubalcabiano” e uno “chaconista”.

DUELLO RUBALCABA VS CHACON. A CRINAN L’ULTIMA PAROLA – Uno duello frontale infuocato che va oltre i confini provinciali, come anticipato dai giornali locali, è data per certa la partecipazione ai comizi e ai congressi del segretario Rubalcaba e della deputata e rappresentate dei socialisti catalani Chacon, chiaro segnale che in Andalusia il PSOE del post Zapatero si gioca qualcosa di più del potere provinciale e regionale. Potere che dagli ultimi congressi socialisti regionali in Galizia, Valencia, Madrid, Navarra hanno visto il successo dei candidati della Chacon. In questo nuova contesa tra Rubalcaba e Chacon l’ultima parola potrebbe averla il segretario regionale del PSOE, il bipresidente regionale José Antonio Griñan già schierato a favore della ex ministra nel congresso federale vinto da Rubalcaba. Oltre ai segretari provinciali ogni federazione, nei “congresillos”, dovrà segnalare i delegati che andranno al congresso regionale il 6 luglio prossimo per confermare un nuovo mandato all’attuale segretario.

IL FUTURO DEL PSOE DIPENDERA’ ANCHE DALLE ELEZIONI – Risultati che potrebbero segnare l’immediato futuro del PSOE, se i segretari e i delegati apparterranno in maggiornanza al settore “chaconista” o a quello “rubalcabiano”, per ora il partito socialista sembra ancora stordito dalla scoppola elettorale nazionale, tanto che la direzione nazionale, si legge nei giornali online spagnoli specializzati nella cronaca politica, posticiperà alla fine del 2013 la conferenza politica che da programma del segretario si sarebbe dovuta celebrare a giugno. Conferenza o Congresso vitale per rendere chiaro il progetto del partito oggi rinchiuso all’opposizione del governo di Rajoy.

Sara Pasquot

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento