martedì, 21 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Svizzera
Pubblicato il 04-05-2012


 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Leggo dalla vignetta da voi pubblicata: Il falso moralista On. Giorgio Napolitano (Presidente della Repubblica) sostiene che: “Chi evade le tasse non merita di essere italiano”
    OK. diamo per buona questa sua frase superficiale e scontata, ma….io vorrei chiedere se una persona come lui merita di essere italiano e per giunta Presidente della Repubblica, il quale oltre ad essere garante della Costituzione, dovrebbe saperla interpretare nei contenuti e nell’essenza, valutando attentamente e con imparzialità, a che tutte le altre istituzioni dello Stato agiscano in buona fede e con senso di responsabilità nei confronti di tutti cittadini italiani e di tutte le istituzioni o Enti Locali periferici… Entrando nello specifico, chiederei all’On. Giorgio Napolitano se ritiene giusto e fondato il fatto che Lui in qualità di Presidente della Repubblica, abbia (come gli capita spesso di dire di si a tutto quello che gli passa per le mani) ritenuto dover controfirmare ed accogliere il decreto del governo Monti attuato dalla Cancellieri, ovvero quello di scioglimento forzato e commissariamento della Giunta e del Consiglio comunale di Reggio Calabria, eletto da alcuni mesi democraticamente a maggioranza del popolo reggino, il quale a sua volta ha eletto nell’esecutivo Sindaco il Dr. Demetrio Arena. Ed inoltre, chiedo al Presidente della Repubblica, se non sia il caso di ripristinare immediatamente e al più presto la Giunta e il Consiglio comunale di Reggio, alla luce di fumose, quanto prevenute ed infondate relazioni scritte e verbali, che hanno visto recentemente infangare l’onore di tante persone perbene che nulla avevano ed hanno a che fare nè direttamente nè indirettmente con le organizzazioni criminali… Mentre per altri scandali più gravi di corruzione avvenuti in altri comuni e regioni d’Italia, si è proceduto in via ordinaria semplicemente con indagini della magistratura italiana verso quei politici ritenuti colpevoli di reati, senza bisogno di sciogliere o commissariare alcunchè, per Reggio Cal. si è deciso in maniera razzista, ambigua, sovversiva, irresponsabile, ed in mala fede, di bloccare per 18 mesi un Ente Locale importante come Il Comune, aggravando cosi le condizioni già precarie del popolo reggino, il quale si vede privare di un interlocutore essenziale ai fini della risoluzione dei problemi. Dunque, come sempre in Italia, a parole moltissimi soggetti falsi-moralisti, ipocritamente si riempiono la bocca di belle parole, soprattutto chi di dovere svolge determinati compiti istituzionali (ma anche certa stampa nazionale corrotta, spara-cazzate vile e serva di regime) mentre nei fatti usano due pesi e due misure, e si ostinano e perseverano in maniera diabolica nel far passare Reggio e la Calabria a capro espiatorio, ovvero vittima sacrificale dei mali dell’Italia, quando sappiamo, tutti sanno, che il pesce puzza dalla testa.

    Distinti saluti
    Gianfranco Tauro
    http://facebook.com/gianfranco.tauro

Lascia un commento