martedì, 21 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Tre punti soli per un’opzione socialista italiana
Pubblicato il 15-05-2012


Qualcuno ritiene che oggi, anche in Italia, sia scoccata l’ora dei socialisti. Lo prospettò Nenni, questo slogan, al congresso di Milano del 1953 e da allora il Psi si ritagliò una funzione decisiva negli equilibri democratici del paese. Ma oggi? Inutile fare proclami inutili. Ad esempio proporre la suggestione secondo la quale, dopo la Francia, toccherà all’Italia e siccome noi del Psi, piccolo partito per ora extraparlamentare, siamo gli unici ad essere legati al socialismo europeo, allora siamo destinati a tornare alle percentuali del passato. Idiozie, falsificazioni subliminali d’una realtà che è diversa, anzi opposta, dura, spietata. Sappiamo dal 1994 almeno, ma in realtà, io so dal 1989, che la questione socialista in Italia non dipende solo da coloro che hanno militato o creduto nel Psi.

Anche se il nostro piccolo partito socialista raddoppiasse o triplicasse i suoi voti, qualora decidesse di presentarsi da solo alle prossime elezioni politiche, non potrebbe risolvere tale questione. Un partito socialista del 3-4-5 per cento non riuscirebbe certo a tener bordone agli altri grandi partiti socialisti europei. Se già il Psi, col suo 10-15 per cento, si configurava come la cenerentola dell’intera Europa, figurarsi una forza, o debolezza, di questo tipo. Ora è evidente che dobbiamo inserire la questione socialista nella testa e nella pancia della sinistra italiana e in particolare in quelle del Pd e anche di Sel, oltre che dei socialisti ovunque dispersi e collocati, più o meno autentici o falsificati, puntando sulle evidenti contraddizioni di ciascuno e formulando un’ipotesi di lavoro che sia nell’assoluto interesse, non solo e non tanto dei socialisti, ma dell’intera Italia.

Personalmente lavorerei su questi tre punti: Processo alla seconda Repubblica mai nata (un processo politico sui guasti di questo ventennio nero che ha annullato la crescita economica e ha aumentato il debito pubblico portandolo adesso, durante la versione della larga maggioranza A-B-C e dell’esecutivo tecnico montiano, al suo massimo storico di 1.930 miliardi di euro, compressione degli spazi democratici e della rappresentanza popolare sostituita con il potere dei capi nelle istituzioni centrali e periferiche, affermazione delle oligarchie politiche, centaurizzazione delle istituzioni con finti presidenzialismi e solo formali parlamentarismi, lotta contro il “doppio conflitto d’interessi”, quello di chi dispone di mezzi d’informazione e fa politica e quello d’una magistratura che fa politica, con la sinistra e la destra che ne vedono invece uno solo), l’Europa come unico orizzonte (non è più possibile governare le nazioni, e diventa anche autolesionistico, ogni partito al governo perde le elezioni, ovunque, occorre un governo europeo, evitando che la Germania e la Bce siano gli unici enti di governo dell’economia, e alla politica della signora Merkel, incentrata sul rigore, occorre contrapporre la politica fondata sulla crescita, sugli eurobond e sulla tassazione delle transazioni finanziarie, come prescritto dal programa del Pse), fondare il sistema politico europeo anche in ltalia (dunque l’alternanza tra forze socialiste e forze popolari, con identità anche aggiuntive, di stampo liberaldemocratico, verde, autonomistico (questo per i due motivi esposti, per il fallimento della cosiddetta seconda repubblica mai nata e per la necessità dell’Europa unita, dunque per l’interesse della sinistra italiana e dell’intera Italia).

Questo è il nostro percorso e questo dev’essere il nostro programma. Gli altri (Pd e anche Sel e socialisti dispersi e variamente collocati) saranno obbligati ad ascoltarci e magari, se non vorrano ascoltare noi, dovranno convincersi dall’evidenza delle cose, di quelle già manifeste oggi e di quelle che ancor di più si manifesteranno domani. Nonostante il ventennio nero la politica deve avere la sua logica.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ormai il Psi è solo al 3% nella migliore delle ipotesi; ma certo le idee del PSI non le ho ancora sentite tutti i diritti del mondo non bastano ad attirare voti; specialmente quando è la pancia che grida forte ! Occorre fornire soluzioni coraggiose e soprattutto a livello Europeo, se non si riesce farlo la palla passerà ad altri; magari ai populisti come grillo; non credo che il PSI non possa credo che qualche volta non voglia; forse per paura di fare una battaglia Corsara di affrontare l’alto mare si finisce a morire a due passi dalla riva come la Concordia non dico che Nencini debba fare come Bettino; ma nemmeno come Schettino; Mi si dirà anche Bettino portò la nave contro gli scogli, ma ci fu un tempo in cui la portò nel mare in tempesta, e riuscì a fargli fare una lunga rotta; adesso penso che il piccolo cabotaggio sia tornato di moda; ma il disastro della Concordia fa capire che anche quel modo di navigare ha grandi problemi specie nei fondali; allora meglio affrontare l’oceano con un piccolo naviglio piuttosto che andare sugli scogli con un transantlantico come il PD e il PDL.

Lascia un commento